Cuoio in Diretta

Il teatro di Bò ricorda Falcone e Borsellino

Vota questo articolo
(0 Voti)

12219483 195505294115803 6075204041829369795 n“Guardiamole negli occhi queste vittime di mafia e immaginiamo di poterle guardare tutte, ma proprio tutte. Una per una. Sono quasi 700 persone, semplici cittadini, magistrati, giornalisti, appartenenti alle forze dell’ordine, sacerdoti, imprenditori e commercianti, sindacalisti, esponenti politici, amministratori locali morti per mano delle mafie solo perché, con rigore e coerenza, hanno compiuto il loro dovere. Guardiamole negli occhi e assumiamo un impegno: quello di far vivere ogni giorno la loro memoria, di raccogliere il loro esempio progettando un cammino di legalità”. Queste le parole di Franco di Corcia, gestore del teatro comunale di Santa Maria a Monte e regista per la compagnia Teatro di Bò.

Sabato 16 marzo alle 21 andrà in scena al teatro comunale di Santa Maria a Monte lo spettacolo Che ora è?, atto unico in memoria di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e gli uomini e le donne della loro scorta. Con il testo e la regia di Franco Di Corcia, saranno gli allievi attori del Laboratorio teatrale per ragazzi Io contro tuti i veri protagonisti dello spettacolo. “La Giornata della memoria e dell’impegno, che organizza Libera il 21 marzo di ogni anno – continua Di Corcia - è il modo per affermare che ci siamo, che vogliamo fare la nostra parte. Non per essere eroi, ma pienamente cittadini, con i nostri diritti e i nostri doveri, capaci di solidarietà, rispettosi della legalità. Teniamo, allora, sempre aperti i nostri occhi per costruire giustizia. Ne hanno bisogno i tanti parenti delle vittime di mafia, ne abbiamo bisogno tutti”. “Sicuramente un’iniziativa pregevole – ha commentato Ilaria Parrella, sindaco di Santa Maria a Monte - La memoria non è un esercizio che si coltiva per spot, bensì un allenamento quotidiano che ci faccia capire quanto il ricordo di giganti come Falcone e Borsellino possa davvero rappresentare una meta raggiungibile per ciascuno di noi, ognuno nel suo piccolo”.

 

Ultima modifica il Mercoledì, 13 Marzo 2019 13:41

Aggiungi commento

Riempi tutti i campi affinchè il tuo commento venga approvato in fase di moderazione. Grazie, la redazione.


Codice di sicurezza
Aggiorna

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466