Cuoio in Diretta

Da Fognini a Sonego, il tennis italiano pulsa forte

Vota questo articolo
(0 Voti)

Il tennis certamente non spicca come uno degli sport in cui gli italiani riescono a brillare a livello storico. In effetti, nonostante la grande tradizione degli azzurri a livello sportivo in una serie di discipline, lo sport che si gioca con la racchetta e su diverse superfici non ha mai visto nessun italiano elevarsi al di sopra di tutti i suoi rivali a livello planetario, cosa che invece è accaduta in sport come il calcio, lo sci o la scherma. Tuttavia negli ultimi anni una serie di talenti nati nel Belpaese ha dato mostra delle proprie abilità sui principali campi del circuito ATP, quello professionistico del tennis mondiale. Dopo l'unica vittoria della Coppa Davis nel 1976, l'Italia è stata per lo più rappresentata a grandi livelli da giocatori capaci di portare a segno degli exploit individuali e indimenticabili. L'ultimo in ordine di tempo è stato sicuramente Fabio Fognini, tennista nato a Sanremo 32 anni fa e vincitore dell'ultimo Master 1000 di Montecarlo dopo una cavalcata straordinaria nella quale aveva sconfitto persino un mostro sacro della terra rossa come Rafa Nadal in semifinale.

Dopo il grande exploit del Principato, Fognini ha dimostrato finalmente di cosa è capace. Da sempre notevole dal punto di vista tecnico, il sanremese è stato spesso però tradito dalla sua indole veemente e dalla sua poca pazienza dopo gli errori. Mentre si prepara agli US Open 2019, torneo nel quale secondo le scommesse Betfair sul tennis il grande favorito è Novak Djokovic, l'Italia tutta si aspetta un'altra bella prestazione del suo tennista di punta. Eppure Fogna, come lo chiamano gli amici, non è l'unico tricolore che si è spinto molto in avanti in tornei importanti negli ultimi tempi. Come dimenticare, infatti, l''exploit di Marco Cecchinato un anno fa al Roland Garros, quando ai quarti di finale sconfisse nientemeno che Djokovic in un incontro già nella storia del tennis italiano e mondiale. A 26 anni, il palermitano è una delle certezze del tennis all'italiana e potrebbe ancora regalare nuove emozioni da qui in avanti. L'aver raggiunto il sedicesimo posto del ranking ATP nel febbraio scorso è uno dei grandi motivi di orgoglio per un atleta indirizzato al sacrificio e alla dedizione come pochi. Dotato di un rovescio importante, Cecchinato è ormai uno dei fissi nelle convocazioni del capitano non giocatore Corrado Barazzutti per la Coppa Davis.

Chi invece è il futuro del tennis italiano è Lorenzo Sonego, torinese nato 23 anni fa che si sta affacciando adesso ai grandi palcoscenici. Il suo exploit più recente è senza dubbio la vittoria al torneo di Antalya, in Turchia, grazie alla quale è riuscito a rompere gli indugi e a piazzarsi al numero 46 del ranking ATP, il suo miglior piazzamento fino ad ora. Tra gli azzurri più in forma del momento non va dimenticato neanche Matteo Berrettini, ventitreenne romano attuale numero 20 del mondo, il quale guarda al futuro con l'entusiasmo di chi ha talento da vendere e può davvero realizzare il salto di qualità. 

Devi registrarti per poter lasciare un commento.

NOTA!

Questo sito utilizza i Cookies al fine di offrire un servizio migliore. Continuando si accettano i termini della nostra Cookies Policy Per saperne di piu'

Approvo
http://www.comune.santamariaamonte.pi.it/news.php?id=3169
Pubblica Assistenza Vita Castelfranco di Sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cuoio in Diretta è un supplemento di Lucca in Diretta, testata giornalistica registrata presso il tribunale di Lucca con il numero 946/2012. Direttore Responsabile: Enrico Pace. Editore: Ventuno Srl, via Nicola Barbantini 930, 55100 Lucca p.iva 02391180466