Un gioco per dire no al razzismo foto

Gli studenti degli istituti di Fucecchio dicono no al razzismo. Questa mattina (lunedì 16 marzo) in comune si è svolto un incontro dove erano presenti, tra gli altri, la vicesindaco Emma Donnini, gli alunni e i dirigenti dell’istituto Montanelli Petrarca e dell’istituto Checchi.

In occasione della settimana contro il razzismo, è stato presentato il concorso Mettiti nei miei panni per favorire negli studenti la conoscenza dell’altro e avviare un percorso di riflessione sul dialogo interculturale. L’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali ha promosso Nei miei panni, un gioco dove si può scegliere di vivere la vita di quattro protagonisti stranieri per un mese in Italia con un budget limitato, prendendo così coscienza delle difficoltà affrontate ogni giorno da chi migra nel nostro Paese. Da oggi a domenica 22 marzo in tutta Italia sono previsti eventi nel mondo della scuola, delle università, dello sport, della cultura con l’obiettivo di coinvolgere l’intera opinione pubblica sui valori del dialogo interculturale e di sottolineare e promuovere la ricchezza derivante da una società multietnica, aperta e inclusiva.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.