Day Service, incremeto di pazienti al Lotti di Pontedera

L’ospedale Lotti di Pontedera ha incrementato la sua attività medica nel corso del 2014 grazie al Day Service. Sono infatti 241 i pazienti presi in carico nell’area quasi il doppio del 2013, anno in cui i pazienti registrati erano 153. L’aumento dei pazienti è dovuto anche all’attivazione di diversi percorsi e alla formazione mirata di piccoli gruppi sanitari che hanno coinvolto i diversi specialisti dell’area medica. Il Day Service è un tipo di percorso sanitario indicato per patologie croniche o per situazioni cliniche che richiedono accertamenti diagnostici multi-disciplinari, evitando così il ricovero per motivi solamente diagnostici.

Al tempo stesso è una modalità che permette all’utente di eseguire rapidamente tutte le prestazioni diagnostiche di cui ha bisogno, all’azienda sanitaria di evitare le duplicazioni di accertamenti che possono verificarsi nei percorsi ambulatoriali ordinari, al medico di famiglia e allo specialista di ottenere la risposta in tempi rapidi a quesiti clinici complessi. Il Day Service può essere richiesto dal medico di famiglia, dal pediatra, da uno specialista o da un medico del pronto soccorso, è sufficiente la prescrizione sul ricettario regionale di una visita specialistica e del relativo quesito diagnostico. Sarà poi lo specialista a decidere se utilizzare questa modalità, oppure indirizzare il paziente verso il percorso ambulatoriale classico con l’esecuzione di singoli esami prenotati al Cup. Le prestazioni erogate nel percorso di Day Service sono soggette al pagamento del ticket nelle modalità della normale attività ambulatoriale e con le esenzioni legate a età, reddito o patologia. Sono stati attivati 15 pacc (percorsi ambulatoriali complessi e coordinati) così suddivisi: 2 per le patologie reumatologiche, 4 per le malattie neurologiche, 2 per la gastroenterologia, 3 per i problemi respiratori, 1 per le complicanze del diabete, delle malattie renali, per l’ipertensione polmonare post-embolica e, infine, per le anemie di interesse gastroentelogico. Nel 2015 è stato inserito anche il percorso per i pazienti con insufficienza renale cronica per pazienti inseriti in lista d’attesa per il trapianto di rene ed è in fase di elaborazione il percorso per lo scompenso cardiaco. Inoltre sono già stati programmati ulteriori corsi di formazione estesi ai medici di pronto soccorso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.