Cuoio Depur, l’accordo c’è ma deve essere approvato

A questo punto, gli unici ostacoli potrebbero essere i lavoratori o l’assemblea dei soci, dove sindacati e vertici Cuoio Depur si sono riservati di fare un passaggio. Se tutto filerà liscio, però, l’accordo trovato oggi 12 maggio in Provincia potrà essere firmato il 26 ed allora la crisi dell’azienda di depurazione sarà rientrata.

I termini dell’accordo sono ancora segreti: oltre alle parti, i primi a conoscerli saranno l’assemblea dei lavoratori (che sono 29, per 9 dei quali è stata aperta la procedura di mobilità) che si incontra giovedì prossimo e l’assemblea dei soci Cuoio Depur, con la quale il presidente si è riservato di fare un ulteriore passaggio. Insomma, i posti di lavoro non sembrano essere più in pericolo nell’azienda di San Miniato, anche se di sicuro i sindacati, a qualcosa devono aver rinunciato, per permettere alla Spa di tagliare un po’ sul bilancio.

 

Elisa Venturi

Leggi anche Cuoio Depur, sciopero il 19 se il 12 non si trova l’accordo

“Le concerie non pagano” e Cuoio Depur vuole ridurre i dipendenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.