Da 20 anni, Marea Festival. Il programma

“Venti intesi come spazio temporale, ma anche come forze irruente in grado di destabilizzare e stravolgere ciò che incontrano. Ed è proprio sulle passioni che vogliamo fare leva, qualsiasi esse siano, perché Marea non è solo il festival, Marea è un motore che gira tutto l’anno con svariate iniziative, tante quante sono le associazioni che del Comitato fanno parte”. Ecco perché il comitato Marea ha chiamato Venti di passioni l’edizione 2015, quella del ventennale. Bobo Rondelli, Nada e Bugo tra i “pezzi da 90” di questa edizione del Festival, dal 23 al 28 giugno all’interno della Buca del Palio di Fucecchio.

Partenza martedì 23 giugno con la finale del contest Indie Time 2015, che anche quest’anno ha visto sfidarsi band provenienti da tutta Italia. A seguire il concerto dei Sus. Il 24 serata infuocata, con i Fabrizio Frigo & the Freezers, Piqued Jacks e Scat Plaza. Giovedì 25 invece sarà la volta dei The Vickers con il loro psychedelic pop rock, nella stessa sera anche Diego Deadman Potron e Tanks and Tears. Sarà Bugo il protagonista di venerdì 26 giugno: Cristian Bugatti in arte Bugo proporrà per la prima volta dal vivo il nuovo singolo nell’ambito del live che terrà al Marea Festival. Insieme sul palco ad anticipare il suo live ci sarà Paletti con il suo pop d’autore fresco, ironico ma mai banale. Sabato 27 giugno troveremo sul palco di Marea Bobo Rondelli e Nada per un doppio concerto e due percorsi che si intrecciano e si sfiorano sullo stesso palco. Due artisti toscani, due artisti di quella “bella Livorno” che ha ispirato la carriera di entrambi, per una serata che si preannuncia esplosiva (biglietto 10 euro). L’ultima sera del festival, il 28 giugno, si rinnoverà la collaborazione con l’etichetta Phonarchia dischi che proporrà i live di alcune band della propria scuderia: Etruschi from Lakota, Venus in Furs e Q-Yes.
Gli eventi collaterali
Non solo musica. negli atessi giorni, il festival ospiterà il dibattito sulla figura femminile, a cura di Popoli Uniti & Arturo, e il “Percorso Memoria”, un progetto del Gruppo fotografico FDMDB dedicato ai ragazzi delle scuole e incentrato sull’ Eccidio del Padule di Fucecchio,
Un’altra conferma è stato il Premio Indie Time, contest per band emergenti, ospitato nei locali de La Limonaia Club di Fucecchio, che vedrà i due finalisti sfidarsi durante la serata inaugurale di questa ventesima edizione. C’è poi il concorso Marea Grafica, in mano al gruppo di disegnatrici professioniste “Le Vanvere”, che oltre a decretare l’autore del manifesto ufficiale arriverà per la prima volta in Buca con una variegata e colorata mostra delle opere selezionate. Il Comitato Marea ospiterà i ragazzi del progetto “Connettiti” rivolto ai NEET (acronimo di “Not in Education, Employment or Training”, ovvero giovani che non sono inseriti in alcun percorso di formazione, istruzione o lavoro) finanziato dalla Regione Toscana, nell’ambito del progetto Giovanisì, dando la possibilità ad alcuni di loro di effettuare uno stage all’interno del Comitato Marea, con l’intento di avvicinare i giovani al mondo del lavoro e dell’associazionismo. Anche per questo anno il Comune di Fucecchio e il Comitato Marea confermano, come le ultime tre edizioni, l’affidamento della Direzione artistica e organizzativa a Fonderia Cultart di Prato, mantenendo così una continuità nella collaborazione del Marea. Il festival prevederà come ogni anno non solo musica ma anche mostre, incontri, esibizioni dei giovani del Parkour, mercatini, stand gastronomici, workshops fotografici, che animeranno lo spazio della Buca del Palio già dal tardo pomeriggio. Durante tutta la durata della manifestazione saranno presenti attività ludiche e intrattenimento per i più piccoli. L’ingresso alle serate è gratuito, fatta eccezione per la data del 27 giugno di Rondelli e Nada, per cui i biglietti sono già in vendita nel circuito regionale Box Office e on line su www.boxol.it.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.