Mazzeo:”Al primo consiglio la sicurezza dei cittadini con 5 progetti”

La sicurezza all’ordine del giorno dei lavori del primo consiglio regionale con i progetti per le prime città toscane. A dirlo e a fare presente che l’assessore Vittorio Bugli ha già pronti 5 progetti è il consigliere regionale Antonio Mazzeo che aveva promesso in campagna elettorale di intervenire quella questione sicurezza.

“In campagna elettorale avevo detto che avrei lavorato affinché la Regione si facesse carico del problema della sicurezza attraverso progetti da realizzare insieme alle amministrazioni locali e ai cittadini. Ebbene, dopo la scelta del presidente Rossi di assegnare una delega ad hoc, l’assessore Bugli ha fatto sapere che intende partire con 5 progetti pilota nelle città toscane. Ci siamo già sentiti e presto ci incontreremo. Credo proprio che ci siano tutte le possibilità perché tra queste ci sia anche Pisa”. Così il consigliere regionale Antonio Mazzeo alla vigilia del primo consiglio regionale previsto nella giornata di domani. “L’assessore Bugli – prosegue – ha spiegato di voler affrontare con forza quello che è uno dei temi più sentiti dai cittadini. Per farlo ha scelto di percorrere la strada della ‘collaborazione sociale’ coinvolgendo in prima persona anche i residenti e ipotizzando di sperimentare il modello proprio nelle città e nelle zone dove la situazione è più critica”. L’ipotesi cui sta lavorando la Regione, nel dettaglio, prevederebbe l’installazione di telecamere, progetti di riqualificazione urbana e iniziative di coinvolgimento dei cittadini attraverso il cosiddetto volontariato di prossimità e i gruppi della solidarietà. “E a partire da questo – spiega Mazzeo – l’obiettivo è quello di costruire, come avevamo chiesto, una sorta di modello toscano per la sicurezza nei quartieri, lavorando insieme alle comunità locali, creando allo stesso tempo un laboratorio di idee aperto alle proposte di esperti, università, cittadini che abbiano fatto esperienze nel settore o conoscano buone pratiche realizzate in giro per il mondo”. C’è però un altro aspetto che Mazzeo tiene a sottolineare. “Se davvero vogliamo dare risposte concrete ai cittadini sul tema della sicurezza – conclude – non può essere tollerato che, come accaduto ieri a Firenze, chi aggredisce un vigile urbano con una spranga il giorno dopo sia già in libertà. Su questo serve lavorare con forza e determinazione, altrimenti lasceremo sempre più spazio a chi, da destra, fa della demagogia e dello sciacallaggio la sua unica linea politica”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.