San Candido, il programma dei 13 giorni di festa

Tredici giorni di incontri, feste, rievocazioni storiche e celebrazioni religiose. Così Fucecchio omaggerà san Candido martire, patrono della città.

Quest’anno ricorre il 350esimo anniversario dell’arrivo delle reliquie del santo e per l’occasione l’amministrazione comunale, con la comunità cristiana di Fucecchio e le parrocchie del territorio, ha organizzato una serie di eventi celebrativi anche grazie al contributo della pro loco di Fucecchio, dell’associazione Palio delle Contrade, della fondazione Montanelli Bassi, del Movimento Shalom, della Misericordia, dei Fratres e del Centro Commerciale Naturale. Il primo appuntamento, lunedì 28 alle 21,15 alla Sala del Poggio, è l’incontro Martiri cristiani di oggi, con monsignor Boutros Moshe, Arcieparca di Mossul dei Siri, profugo a Erbil nel Kurdistan iracheno. L’evento clou della settimana è in programma venerdì 2 ottobre alla chiesa delle Vedute: dalle 7,30 saranno esposte al pubblico le reliquie del santo e la sera alle 21,30 si terrà la rievocazione storica con l’arrivo delle reliquie a Fucecchio accompagnate da oltre 100 figuranti dell’associazione palio per una cerimonia che si preannuncia come particolarmente suggestiva. Sabato 3 ottobre, come ogni anno, il comune di Fucecchio, in una cerimonia che si terrà alle 11 nella sala del consiglio, assegnerà il premio Leone Rampante, il riconoscimento per quei cittadini che attraverso la loro opera si siano particolarmente distinti dando lustro a Fucecchio. Lo stesso giorno ma nel pomeriggio, a partire dalle 17, nella chiesa della Collegiata sono in programma la messa solenne, le cresime e, a seguire, la processione fino alla chiesa della Vergine, accompagnata dalle musiche della Filarmonica Mariotti. Le cerimonie religiose saranno presiedute da monsignor Zygmunt Zimowski, arcivescovo presidente del pontificio consiglio della pastorale per gli operatori sanitari. Domenica 4 ottobre sarà poi la giornata di festa per le contrade del Palio che si esibiranno nel Gran Galà degli Sbandieratori. I colori dei 12 rioni invaderanno piazza Vittorio Veneto dalle 15. La settimana successiva gli appuntamenti riprenderanno giovedì 8 ottobre nella Sala del Poggio (ore 21,15) con San Candido: il luogo del martirio, una conferenza di padre Joseph Roduit, abate emerito del monastero di Saint Maurice, luogo del martirio nel III secolo. Seguirà la proiezione di un filmato che riassume la storia dell’Abbazia. Le celebrazioni si concluderanno sabato 10 ottobre (ore 16,30) alla Fondazione Montanelli Bassi con l’incontro San Candido, soldato, martire al quale interverranno don Andrea Cristiani, Alberto Cafaro e Alberto Malvolti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.