Postazioni fisse di caccia, i consigli di Testai e il nuovo regolamento

“Il consiglio che mi sento di dare a tutti i cacciatori al fine di non incorrere in sanzioni amministrative e penali è quello di leggersi il regolamento comunali sui manufatti per l’attività venatoria e se del caso di adeguare nel più breve tempo possibile le postazioni già realizzate a tale regolamento”. Il consiglio è del capogruppo Fi di Fucecchio Simone Testai, dopo che nel consiglio comunale del 29 settembre, è stato discusso il regolamento manufatti per l’esercizio dell’attività venatoria.

“Con grave ritardo – spiega Testati – rispetto alla normativa sovraordinata precedentemente citata e a stagione venatoria già iniziata, sono stati messi ‘paletti’ che riguardano non solo le modalità di comunicazione, ma soprattutto le modalità di costruzione, le dimensioni e le finiture.
Questo regolamento, va a stabilire oggi, a stagione venatoria iniziata, le caratteristiche costruttive, dimensionali e di finitura degli apprestamenti, andando a caratterizzare in modo molto restrittivo rispetto alle Leggi Regionali gli appostamenti, mettendo gioco forza ‘fuori gioco’ molti cacciatori che non potendo prevedere tali restrizioni, hanno realizzato gli appostamenti in questione con dimensioni e finiture diverse da quelle appena introdotte. Ne deriva che da oggi molti cacciatori dovranno velocemente rivedere detti apprestamenti in conformità al regolamento al fine di non incorrere in sanzioni. Al fine di evitare inutili sanzioni (improprie a mio avviso perché possono andare a sanzionare opere realizzate precedentemente all’approvazione del regolamento) avevo presentato un emendamento volto a concedere un periodo di transizione e concedere quindi più tempo ai cacciatori per regolarizzare se del caso i propri appostamenti, emendamento, che pur avendo ricevuto il parere di regolarità tecnica da parte del Segretario generale, è stato bocciato dalla maggioranza. Tale decisione, mette oggi a rischio sanzioni la gran parte dei cacciatori che si trovano ad avere le proprie postazioni fisse in contrasto con il regolamento: un esempio lampante può essere la finitura degli appostamenti con vernici biodegradabili ed ecosostenibili che raramente vengono usate”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.