E’ morto Giorgio Cervigni, anni dopo l’incidente all’Aquila

Più informazioni su

In quel giugno del 2009, a L’Aquila, a prestare soccorso ai terremotati, non c’erano mai arrivati. Giorgio, 68 anni e Walter, 31, avevano avuto un incidente d’auto che li aveva lasciati in coma.

Dopo qualche mese, Walter si era risvegliato, mentre dopo più di 6 anni, oggi 15 ottobre, Giorgio Cervigni è morto, lasciando senza speranza famiglia e amici, compresi i colleghi della Misericordia di San Miniato Basso, con i quali aveva fatto tantissimi servizi. Il corpo di Giorgio è nella cappella della confraternita in attesa del funerale, domani 16 ottobre alle 15, nella chiesa della Trasfigurazione.

“Oggi – ha detto Alessandro Mancini, governatore della Misericordia di San Miniato Basso – tutta la nostra Confraternita è in lutto. Questa mattina abbiamo perso una persona a noi molto cara. Giorgio Cervigni si è spento dopo sei anni di sofferenza, in seguito ad un incidente stradale dal quale non si è più ripreso. Porteremo il ricordo di una persona generosa e disponibile, sempre pronta ad aiutare il prossimo e a svolgere il proprio lavoro di volontario con impegno e dedizione. Era sicuramente un punto di rifermento per tutti”.

“Per tanti anni – aggiunge Vittorio Gabbanini, sindaco di San Miniato – è stato presidente del circolo Arci di San Miniato ed io, essendo vicepresidente di quel circolo, ho svolto con lui tante iniziative che me lo fanno ricordare con affetto e commozione. Sicuramente ha lasciato un grande vuoto nella comunità sanminiatese, per la quale ha saputo donare molto come volontario di Protezione Civile e Misericordia, ma anche come grande sostenitore del carnevale dei bambini di San Miniato Basso”.
Anche Francesco Lupi il segretari odell’unione comunale del Pd di san minaito ha voluto sottolienare il dispiacere e il suo personale ricordo di Giorgio Cervigni: “Ho avuto modo di conoscere Giorgio durante le mie prime due partecipazioni alla Festa de l’Unità (allora Festa Democratica) di San Miniato Basso. Io ero un giovane militante appena iscritto al Pd. Noi della giovanile del partito avevamo il nostro stand accanto allo storico “Bar Pinocchio”, il cui responsabile era proprio Giorgio Cervigni e con lui lavoravamo alla gestione di quello spazio. Di lui ricordo l’infinità bontà, la generosità sincera e l’estremo rigore e passione con cui svolgeva la sua opera di volontario della festa. Le stesse caratteristiche che ne hanno contraddistinto anche l’impegno come volontario della Misericordia, sopraffatto poi da un destino crudele allorché subì il gravissimo incidente stradale, dal quale non si è mai ripreso, proprio mentre si apprestava a portare il suo soccorso alle popolazioni dell’Abruzzo colpite dal terremoto del 2009. Oggi, a nome del PD di San Miniato che ho l’onore di rappresentare come segretario comunale, voglio esprimere le mie sincere condoglianze alla famiglia nel ricordo di un grande uomo”.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.