Comunisti e Sel criticano la struttura degli ex-macelli

E’ una mezza bocciatura quella di Rifondazione Comunista, Partito Comunista d’Italia (ex Pdci) e Sinistra Ecologia e Libertà di Santa Maria a Monte circa la nuova sede del polo socio-sanitario previsto nei locali degli ex macelli pubblici. “Siamo d’accordo con la realizzazione di questa nuova struttura pubblica sociosanitaria – dicono –  che migliora ed incrementa i servizi nel nostro comune, ma osservando attentamente la localizzazione scelta da questa maggioranza di centro-destra riteniamo che non soddisfi a pieno un’esigenza concreta di servizio pubblico per l’intera comunità, in quanto i criteri che dovrebbero essere presi in considerazione e che i cittadini chiedono sono altri, per esempio.

I servizi pubblici dovrebbero essere realizzati in una zona raggiungibile facilmente da tutti gli utenti, inoltre dovrebbe essere di semplice accesso e con grandi spazi per parcheggiare. Senza guardare gli interessi di nessun bacino elettorale e di facile consenso, la zona idonea secondo il nostro punto di vista per realizzare la nuova “Casa della Salute” poteva e doveva essere realizzata in piano, ad esempio vicino alla Coop o agli impianti sportivi sempre a Ponticelli, perché crediamo che il sito debba essere ampliabile per il futuro, per garantire e aumentare i servizi di prevenzione e cura per tutta la cittadinanza. Senza essere troppo polemici potremmo dire che il posto scelto degli ex macelli va incontro e si sposa bene per il futuro con la politica sanitaria dei tagli portata avanti dal governo Renzi e del Governatore della nostra Regione Enrico Rossi. Questa locazione da noi suggerita andrebbe inoltre incontro ai tanti cittadini che ogni giorno si recano per lavoro nelle zone industriali,dove trovando una struttura nuova, moderna e con ampio servizio di parcheggio vicino al luogo di lavoro, renderebbe un miglior servizio a tutti. Per quanto riguarda invece la posizione degli ex macelli pubblici, osservando lo spazio liberato dal vecchio manufatto, questa zona potrebbe essere valorizzata con un bel parco giochi per i bambini del capoluogo (inesistente ad oggi) o, in alternativa, per recuperare degli spazi a parcheggio visto il perenne bisogno che contraddistingue da sempre il comune.”

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.