Fiom: “Con la vertenza Dna l’unità dimostra che può vincere”

Niente licenziamenti per i quattro lavoratori della Dna, azienda subappaltante rispetto a Piaggio,  che aveva già ricevuto la lettera dall’azienda in applicazione della legge Fornero lo comunicano i rappresentati sindacali delle aziende DNA,CEVA,SOLE e PIAGGIO che si sono dichiarate pronte alla mobilitazione in difesa dei quattro lavoratori

“La determinazione dei lavoratori ha costretto la Dna, a ritirare i quattro licenziamenti che sarebbero stati la prima applicazione in questa zona della legge Fornero” dicono i rappresentati delle rsu.
“La reazione immediata dei lavoratori della cooperativa e l’adesione – continuano i sindacalisti – dei lavoratori della Ceva hanno richiamato davanti ai cancelli della fabbrica le forze più consapevoli del mondo operaio presenti sul territorio per respingere l’applicazione della legge che ha abolito l’articolo 18 del codice del lavoro per i licenziamenti economici individuali. La determinazione dei lavoratori della Dna e della Ceva ad andare avanti a oltranza, il supporto di lavoratori e delegati Piaggio, che già avevano dichiarato sciopero per il martedì, lo sciopero dei lavoratori della Sole, hanno costretto tutti i partecipanti alle trattative a stare sul punto e a rispettare le condizioni poste dagli operai per cessare lo sciopero: stracciare le lettere di licenziamento. Gli operai hanno vinto e i licenziamenti sono stati ritirati nella serata di lunedì nonostante le loro leggi, i padroni questa volta non sono passati”.Questa vicenda, che deve darci coraggio ed essere di insegnamento per le lotte future, ci fa capire che le leggi, anche se approvate, possono essere contrastate e rese inapplicabili con la lotta e l’unità dei lavoratori. E inoltre che l’unità che siamo riusciti a realizzare tra i lavoratori Dna, Ceva, Sole e Piaggio può essere preziosa per lotte rivendicative, e non solo difensive come questa, e diventare un punto di riferimento per molti lavoratori di altre fabbriche. Con questa forza riprenderà nei prossimi giorni il confronto con la cooperativa Dna. Tra i vari punti dovrà essere affrontato anche il licenziamento politico del delegato Dna Sandro Giacomelli, su cui i lavoratori richiedono una soluzione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.