Quantcast

Defibrillatori a Castelfranco, M5S ci riprova

Più informazioni su

“Noi non demordiamo e abbiamo presentato una nuova mozione per l’installazione dei defibrillatori in tutte le scuole”. Dopo la bocciatura della prima, il Movimento 5 stelle di Castelfranco ci riprova e porta al voto del consiglio comunale una nuova mozione per prevedere l’installazione di dispositivi di defibrillazione esterna in tutte le scuole comunali e negli impianti sportivi comunali.

La precedente mozione era stata presentata il 16 febbraio e discussa i 9 marzo “ottenendo – spiegano – una bruttissima risposta da parte della maggioranza, che l’ha bocciata malamente. Tra le motivazioni addotte quella che molte scuole già ne sono fornite e dal 1 luglio gli impianti sportivi saranno obbligati ad averle. La risposta ricevuta è inaccettabile e vergognosa. Per quanto riguarda le scuole, soprattutto ci preme chiarire alcuni aspetti: la richiesta prevedeva l’estensione a tutte le scuole di un dispositivo di riconosciuta validità. E’ vero che alcune scuole del territorio comunale sono dotate di Dae (così son chiamati), frutto di donazioni di privati o associazioni, non certo per azione diretta della amministrazione. Anche per il futuro, l’amministrazione aspetterà che questi dispositivi vengano donati anziché adoperarsi per comprarli. Quindi, nei riguardi della salute, l’amministrazione non interessa essere attiva promotrice, ma demanda le azioni concrete alla buona volontà ed alla sensibilità altrui. Salvo poi presenziare tutta impettita alle inaugurazioni di rito. Riteniamo benvenute tutte le donazioni ma, volevamo che l’amministrazione scegliesse di investire parte del proprio bilancio anche in questi aspetti. Questi dispositivi, hanno un costo di circa mille euro ciascuno, un prezzo non esorbitante e sicuramente non deficitario per il bilancio di un amministrazione pubblica. Considerando poi come le casse comunali sembrano aprirsi magicamente per altri casi, anche di dubbio risultato. Siamo nuovi in certe dinamiche ma abbiamo imparato che in ogni cosa è una questione di volontà e di scelte. Quando si sceglie di fare una cosa, i mezzi e le modalità poi sicuramente verranno di conseguenza. E’ per questo che contestiamo l’assurdità della scelta fatta. Adesso, ci sono scuole dotate di Dae e quindi più sicure nel nostro territorio e scuole non sicure. Nell’insegna dell’uguaglianza e dell’amore per i bambini. Una rischiosa e terribile scommessa con la vita dei più piccoli. Aspettiamo quindi fiduciosi qualche volenterosa donazione che possa ripagare alle ingiustizie attuali”.

 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.