Unione Valdera, sindacati preoccupati per i dipendenti

“Quanti lasceranno l’Unione Valdera per essere assunti dai singoli comuni che si sono sganciati da questa istituzione? Quali figure professionali? Quali criteri saranno adottati per la scelta del personale da trasferire nei quattro comuni?”. Se lo chiedono e lo chiedono ai comuni interessati i sindacati Cgil, Cisl e Uil in vista dell’uscita dall’Unione, dal primo luglio, dei comuni di Peccioli, Terricciola, Chianni e Lajatico.

A detta delle organizzazioni sindacali, queste domande vengono fatte agli amministratori, ma senza ottenere risposte. Mentre ora pare che, senza accordo sindacale, gli amministratori hanno già deciso tutto, in barba allo statuto dei lavoratori. Secondo quanto riferito dai rappresentanti sindacali, le persone da trasferire sono state individuate.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.