Una vita con la musica, Capanne piange il maestro Vincenti

La musica era la sua vita. E anche la passione che più di tutte lo accomunava al padre e che condivideva con la compagna Lidia, con la quale suonava in un’orchestra. La mamma, invece, era stata maestra nelle scuole di Capanne.

Oggi 30 giugno, il paese piange il pianista Roberto Vincenti, padre di una figlia, Gioia. L’improvvisa morte lo ha colpito a soli 49 anni. Roberto era diplomato al conservatorio ed era maestro di pianoforte. Sul territorio era molto noto, anche per le serate che faceva suonando in locali e cerimonie. La camera ardente è stata allestita nella cappellina della Pubblica assistenza di Montopoli, in via Mattei. Sabato 2 luglio la salma verrà poi esposta, alle 15, nella chiesa di Capanne, dove alle 16 si svolgerà il rito funebre. “Cordoglio e vicinanaza alla famiglia” è stata espressa dall’amministrazione comunale di Montopoli in Val d’Arno. Il sindaco Giovanni Capecchi ricorda Roberto “per la sua grande passione per la musica e per la sua bravura”. (sdp)

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.