Ultimo addio a Savini, gli amici: “Tu lo sai che non è finita, ciao Carlo” foto

Più informazioni su

“Tu lo sai che non è finita. Sì che lo sai. Ciao Carlo”. È con questo messaggio, impresso nello striscione a pochi passi dalla chiesa, che gli amici hanno dato l’ultimo saluto a Carlo Savini, il 24enne di Forcoli ucciso dal terrible incidente di domenica 11 novembre.

Un saluto commosso e partecipato, vissuto con il dolore delle tantissime persone che stamani hanno invaso di auto ogni angolo della frazione. Una moltitudine silenziosa che si è raccolta attorno all’abitaziine della famiglia Savini all’inizio di via Nuova, per poi raggiungere un corteo la piccola chiesa di San Frediano che non è riuscita a contenere la folla di conoscenti e amici. “Una chiesa sospesa fra terra e cielo – ha detto don Andrea Cristiani – come a ricordarci che siamo tutti in cammino. Carlo però non se n’è andato ma è sempre con noi”. In tanti, al termine della funzione religiosa, hanno voluto abbracciare i genitori Carla e Luciano, insieme al fratello Cristiano e alla sorella Romina. Una famiglia conosciutissima in Valdera e non solo, nota per la commercializzazione di tartufo con il celebre marchio Savini tartufi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.