Rubano bici e fuggono in treno, nei guai giovani di San Miniato

Avevano rubato due biciclette di particolare valore parcheggiate nelle rastrelliere del centro commerciale Coop di Empoli. Poi, per dileguarsi rapidamente, avevano pensato di utilizzare il treno, ma sono stati scoperti dalla polizia che li ha aspettati alla stazione di Pontedera.

Sono finiti nei guai così un italiano, E.B. di 31 anni di San Miniato e uno straniero di 21, sempre residente a San Miniato, K.P. le sue iniziali. Si tratta di due persone che in passato avevano già avuto a che fare con le forze dell’ordine. Ad accorgersi che i due potevano aver commesso un furto per il loro comportamento strano e per il fatto che viaggiassero con due biciclette sul treno che transitava da Firenze, verso Pisa sono stati gli agenti della polizia ferroviaria che si trovavano sul convoglio. Il personale della polizia infatti ha evitato di creare allerme e disagi sul treno e ha subito trasmesso la segnalazione ai colleghi di Pontedera che hanno atteso i due ladri alla stazione ferroviaria insieme ai militari dell’operazione strade sicure. Appena scesi i due sono stati fermati. Dopo le formalità di rito svolte al commissariato di Pontedera i due samminiatesi sono stati denunciati per furto in concorso e rimessi in libertà in attesa di giudizio. Le biciclette sono state restituite ai legittimi proprietari dai poliziotti del commissariato di Pontedera.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.