Allergie e pollini, il monitoraggio di Arpat previsioni

Aggiornamenti in tempo reale che non fanno presagire niente di sereno per gli allergici dalle stazioni provinciali di rilevamento dei pollini nell’aria a cura dell’Arpat. La rete toscana di monitoraggio di allergeni legati alle infiorescenze e delle spore fungine, costituita da stazioni di campionamento collocate fra le provincie di Arezzo, Firenze, Grosseto, Lucca e Pistoia, ma valevoli nei dati per l’intero territorio regionale, segnalano per questa settimana una serie di valori in crescita legati alla stagione primaverile entrante nei suoi picchi massimi.

In particolare, nella settimana si riscontrano concentrazioni medio-alte per pollini di Quercia e Graminacee su tutte le stazioni; concentrazioni medio-alte anche di Pinaceae per Firenze. Sporadici valori medi di concentrazioni per le Plantaginaceae su Firenze, Pistoia e Grosseto. Concentrazioni medio-alte di Oleaceae su tutte le stazioni e in particolare si segnalano, dall’inizio di questa settimana, aumenti nelle concentrazioni elevate di pollini di Olivo probabilmente di provenienza estera.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.