La moda nell’economia circolare, l’esperienza Assoconciatori foto

Più informazioni su

Non solo depurazione: tecnici e imprenditori presenti, in rappresentanza di diverse aree del sistema fashion, hanno mostrato un grande interesse verso gli impianti del distretto conciario destinati al riuso degli scarti della lavorazione della pelle, che collocano il distretto di Santa Croce tra i sistemi industriali più rappresentativi dell’economia circolare. I conciatori del distretto di Santa Croce sull’Arno hanno raccontato la propria esperienza di impresa impegnata nella sostenibilità ambientale nel corso del seminario La moda nell’economia circolare che si è tenuto all’European School of Economics di Firenze.

Aver trasformato in risorsa per l’ambiente procedimenti industriali che per l’ambiente sono potenziale rischio arrivando a rappresentare in pieno i nuovi trend dell’economia circolare è quanto hanno raccontato, in un incontro al quale erano presenti Angelo Arcuri responsabile Ufficio Internazionalizzazione Confindustria Firenze, Anna Salvini Campus Manager ESE Firenze, Chiara Uvoni project manager Next Technology Tecnotessile Distretto Pratese, l’imprenditore Andrea Galluzzo e Thes Tziveli imprenditrice e presidente sezione abbigliamento Confindustria Firenze.
Investimenti mirati in ricerca e formazione, 1800 milioni di euro in 40 anni di attività del distretto conciario “e una gestione innovativa dei processi di depurazione – spiega Franco Donati, presidente Assoconciatori – che vede ora i conciatori del distretto fare da perno nell’attuazione dell’accordo di programma sottoscritto con Regione Toscana e Ministero dell’Ambiente per il trattamento di acque reflue urbane di 42 impianti di depurazione che saranno dismessi perché diseconomici nella gestione e incapaci di scaricare entro i parametri di legge: la loro acqua verrà convogliata nei nostri impianti di depurazione. Andremo a recuperare dalle acque reflue urbane in arrivo circa 6 milioni di metri cubi di acqua che affineremo fino a renderla utilizzabile nell’attività conciaria riducendo progressivamente l’emungimento di acqua di falda dal terreno”.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.