Incendio a Capanne, FiPiLi chiusa per un’ora – Foto foto

Più informazioni su

Fumo talmente nero da non consentire alle auto di viaggiare. E fiamme tanto alte da far davvero paura. Era un piccolo incendio di sterpaglie, forse partito da più focolai, sulle sponde del Chiecina. Ma in pochi minuti è diventato un problema talmente grande da costringere le forze dell’ordine a chiudere la Fipili in entrambe le direzioni, nell’intero tratto compreso fra Pontedera e Santa Croce.

E’ l’indendio scoppiato nel primo pomeriggio di oggi, 26 agosto, a ridosso dell’uscita FiPiLi di Montopoli, a ridosso dell’abitato di Capanne. Un rogo che ha visto tutta la frazione scendere in strada e riversarsi sui terrazzi per capire cosa stava accadendo. Finestre chiuse per impedire all’odore acre di entrare, mentre il crepitio del canneto che arde si è avvertito in buona parte del paese. Spinto dal vento caldo, il fuoco ha divorato la vegetazione, gli sfalci e le sterpaglie, infilandosi in pochi instanti sotto il cavalcavia della supestrada e fra le rampe di uscita e di ingresso della FiPiLi. Una scena infernale che ha impegnato Vigili del fuoco e volontari per circa di due ore, con la supestrada rimasta chiusa in entrambi i sensi per circa un’ora.
Tutto è partito dall’alveo del torrente Chiecina, attualmente in secca, che in questo punto corre a pochi metri dalla strada di grande comunicazione. Un’area dove sono presenti anche alcuni orti e baracche. Da qui, sospinte dal vento, le fiamme si sono propagate in un attimo fra i canneti e le sterpaglie lungo le scarpate della superstrada.
Subito sul posto i volontari dell’antincendio boschivo, seguiti dai carabinieri e dai vigili del fuoco del distaccamemto di Castelfranco, ai quali si sono aggiunti poco dopo i colleghi di Cascina e Ponsacco. Intorno alle 16, in rinforzo, sono arrivati anche polizia stradale e municipale di Montopoli. Immediati i disagi per gli automobilisti, soprattutto per i veicoli che viaggiavano in direzione Firenze, subito investiti dal fumo denso prodotto dalle fiamme. Una situazione che alla fine, intorno alle 16,30, ha costretto le autorità a chiudere la strada di grande comunicazione in entrambe le direzioni, tra gli svincoli di Pontedera e Santa Croce. Una chiusura proseguita per circa un’ora, fino alle 17,30, per consentire ai mezzi di soccorso di circoscrive le fiamme lavorando dalle rampe di uscita e di ingresso della superstrada.

Elisa Venturi e Giacomo Pelfer

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.