Conceria, contratto collettivo pronto. Esportazioni in aumento

Flessibilità e lotta all’assenteismo, implementazione di alcune pratiche di welfare e aumento retributivo di 85 euro erogato in 3 progressive tranche. Sono i punti salienti del nuovo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro della Concia, ora disponibile e presto distribuito a tutti i lavoratori: l’industria conciaria italiana impiega 17.612 addetti in oltre 1.200 aziende e ha un fatturato annuo 5 miliardi di euro. In un contesto che va per il verso giusto: se confermata, la crescita 2017 delle esportazioni italiane di pelli conciate interrompe il trend lievemente negativo che aveva caratterizzato i risultati 2015 e 2016.

 

Il nuovo Ccnl, siglato il 5 aprile 2017, è stato sottoscritto da Unione Nazionale Industria Conciaria e dalla piattaforma sindacale Filctem Cgil, Femca Cisl. L’industria conciaria italiana, rappresentata da Unic, sulla base dei dati ancora parziali attualmente disponibili (primi 9 mesi), stima di chiudere il bilancio complessivo 2017 con esportazioni in aumento del 9% in volume e dell’1% circa in valore. Una crescita internazionale che dovrebbe tradursi in un leggero aumento della produzione totale in volume e in una rassicurante stabilità in valore.
Il mercato
Tra le destinazioni d’uso, persistono il buon andamento della domanda per interni auto e la sostanziale positività dell’arredamento. La clientela moda lavora a macchia di leopardo: la pelletteria si conferma generalmente più brillante della calzatura, con una persistente attenzione al prezzo. Tra i principali Paesi esteri di destinazione risulta significativa la crescita dell’area cinese, tornata in positivo dopo due anni: +7%. Bene Regno Unito (+7%) e Vietnam (+14%), mentre appaiono invariati i flussi verso gli Usa, dopo sette anni di continui incrementi. Nel contesto dell’Unione Europea cresce la Francia, rallentano le altre principali nazioni mentre diminuiscono le spedizioni verso Romania, Tunisia, Bulgaria e Serbia, mentre crescono Albania, Repubblica Ceca e Ungheria.

L’andamento delle esportazioni rappresenta una conferma di quanto il contributo dei mercati esteri risulti da tempo fortemente maggioritario e abbia superato, negli ultimi anni, il 75% del totale della produzione. Nel 1992 la quota era pari al 35%. Le esportazioni raggiungono in media 125 Paesi ogni anno, per un valore complessivo di circa 4 miliardi di euro: il 26% del commercio mondiale di pelli finite ha origine italiana.
Vincenti per la pelle made in Italy sono qualità, innovazione tecnologica, ricerca stilistica e sostenibilità. Fattori che si riflettono sul valore complessivo della produzione e sul peso commerciale internazionale delle concerie italiane, entrambi da molti anni al primo posto sia nel ranking europeo che in quello globale.

Leggi anche Lavoratori del conciario verso il rinnovo del contratto

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.