Ponsacco stangato: due turni al campo e 3500 euro di multa. Squalificato il presidente

Ponsacco, una vera e propria stangata dopo la sconfitta di domenica con il Viareggio che ha messo forse definitivamente fine ai sogni promozione in serie C.

Il giudice sportivo, infatti, ha squalificato il campo per due giornate e comminato 3500 euro di multa alla società. Questa la motivazione: “Per avere propri sostenitori, nel corso del secondo tempo, a seguito della realizzazione di una rete da parte della squadra avversaria, rivolto espressioni offensive all’indirizzo del commissario di campo e degli organi federali. Inoltre , al termine della gara, due persone di cui una non identificata, ma chiaramente riconducibili alla società, facevano indebito ingresso nell’area degli spogliatoi e nella circostanza, rivolgevano espressioni offensive all’indirizzo dei calciatori della squadra avversaria tentando altresì di aggredirli senza riuscire nell’intento per la fuga degli stessi. Circa 10 minuti dopo l’episodio appena descritto, circa 15 sostenitori, entravano nella zona degli spogliatoi attraverso un cancello incustodito per contestare la sconfitta ai calciatori della propria squadra. Si determinava un parapiglia nel corso del quale il commissario di campo veniva colpito con una violenta testata, sferrata da uno di detti sostenitori, alla tempia, causandogli intensa sensazione di dolore, capogiri e sensazione di disorientamento tanto da costringere la dirigenza locale ad accompagnarlo al locale pronto Ssccorso laddove gli veniva diagnosticato trauma cranico contusivo con prognosi di 4 giorni”.
“I sostenitori – prosegue la motivazione – venivano allontanati grazie all’intervento delle forze dell’ordine. Sanzione così determinata in considerazione della inaudita violenza utilizzata ai danni di un commissario federale e della condotta tenuta dai sostenitori e rappresentanti della società indice del profondo spregio per i principi di probità, lealtà, correttezza e non violenza previsti dalle normative federali”.
Squalificato anche il presidente Massimo Donati fino al 23 maggio 2018 per avere, “non essendo iscritto in distinta, fatto ingresso nell’area spogliatoi insieme a una persona non identificata, rivolgendo espressioni ingiuriose all’indirizzo dei calciatori del Viareggio, cercando anche di aggredirli non riuscendovi per la fuga degli stessi”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.