Capanne, i disegni dei bimbi nel mirino dei vandali foto

Difficilmente quelle tavolette colorate davano fastidio a qualcuno. Più probabile che siano diventate il triste passatempo di una serata noiosa, nel tentativo di staccarle e portarsele via, magari solo per il gusto di distruggere qualcosa che dovrebbe essere di tutti. È successo in piazza Vittorio Veneto a Capanne, dove a distanza di neanche 48 ore dalla loro installazione, qualcuno ha già provato a sganciare e rubare una delle tavolette dipinte dai bambini e appese agli alberi dall’area giochi.

A raccontare l’accaduto è la presidente della consulta, Lara Reali, ricordando che quei disegni sono il frutto dell’iniziativa organizzata dalla stessa consulta, lo scorso 24 giugno, nei locali del bar 7mila caffè. Un pomeriggio di pittura quella preparato per i bambini del paese, invitati a disegnare un proprio animaletto che ha fatto poi da base ai disegni delle tavoli, appese lo scorso giovedì (5 giugno) ad alcuni alberi di piazza Vittorio Veneto. “Neanche due giorni dopo – racconta Reali – ci siamo accorti che una delle tavolette disegnate da un bambino (nella foto a lato) era stata allentata e quasi completamente sganciata. Così per adesso l’abbiamo tolta. È evidente che qualcuno ha provato a portarsela via senza riuscirci, forse perché disturbato dalla presenza di altre persone”. Qualcosa di analogo, del resto, era già successo anche a dicembre con le palle di Natale, anche in quel caso razziate nottetempo. “È incredibile come in questo paese non resista nulla – si sfoga la presidente Reali -. Ogni volta che proviamo a fare qualcosa per abbellire la piazza e migliorarne il decoro c’è sempre qualcuno che, chissà per quale motivo, si adopera subito per rubare e per distruggere. Dispiace, soprattutto per l’impegno volontario che ci mettiamo: anche in questo caso ci siamo dati dare fare per cercare i materiali appropriati e per abbellire la piazza, ma il nostro impegno viene sempre snobbato e vanificato in questo modo”. (g.p.)

Leggi anche: Giardini pubblici come piste da cross: devastati dalle auto

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.