Del Grande a Vanni: “Maltempo sì ma nessun sopralluogo dei vigili del fuoco”

“Nessun sopralluogo dei vigili del fuoco è stato effettuato nella giornata del 29 ottobre in nessun edificio scolastico del comune”. Lo dice Manuela Del Grande,  vicesindaco e assessore alle Politiche scolastiche e sociali del comune di Santa Maria a Monte replicando ad Alberto Fausto Vanni, che in quel giorno di pioggia e maltempo aveva raccontato di infiltrazioni alle scuole medie (Vanni: “Acqua dal tetto, alla scuola serve più attenzione”).

“Il maltempo – spiega Del Grande – ha colpito Santa Maria a Monte e anche il complesso scolastico di via Querce che è stato interessato da alcune infiltrazioni di acqua prontamente asciugate dai dipendenti comunali e da alcuni volontari della Pubblica Assistenza del comune. Si precisa che proprio la mattina stessa del 29 ottobre gli operai comunali avevano provveduto a pulire le gronde della scuola in previsione dell’arrivo del maltempo. Questo non ha però impedito all’eccezionalità dell’evento di provocare alcuni disagi prontamente risolti”.
“Quest’amministrazione – prosegue – ha da sempre mostrato attenzione per le manutenzioni scolastiche e gli interventi nelle nostre scuole. Ricordiamo a Vanni, che fa finta di non vedere, i numerosi lavori svolti proprio sul plesso di via Querce: il rifacimento della copertura, la manutenzione della facciata, il nuovo laboratorio informatico, i nuovi parcheggi dell’area, il nuovo percorso per la sicurezza dei ragazzi, la sistemazione della palestra della scuola e la realizzazione, prossima alla conclusione, del nuovo accesso coperto con pensilina alla scuola elementare. Nuovo anche il campetto dietro l’area della scuola e molti altri gli interventi in tutte le scuole del comune: 200mila euro solo nel plesso dell’infanzia e della primaria di Ponticelli, lavori importanti anche nel nido comunale, nelle scuole di tutto il territorio. Da non dimenticare anche i numerosi progetti che compaiono nel protocollo d’intesa siglato ogni anno con l’istituto comprensivo per circa 50mila tra i quali ne ricordo solo alcuni: l’educazione alimentare, lo sportello d’ascolto dello psicologo, il lettore madrelingua, le iniziative legate al teatro, alla musica e quelli di carattere storico. Iniziative sempre di qualità realizzate grazie alla disponibilità del corpo docente. Non ci resta che attendere la prossima fantasiosa esternazione di Vanni che siamo sicuri non tarderà ad arrivare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.