San Pierino, “strada 436 più larga entro il 2020” foto

“Speriamo di farlo entro il 2020. Ci saranno espropri di terreni da fare per un costo complessivo dell’opera di più di un milione e mezzo”. Lo annuncia il sindaco di Fucecchio Alessio Spinelli illustrando il progetto di ampliamento della strada regionale 436, nel tratto compreso tra San Pierino di Fucecchio e San Miniato Basso. I primi documenti che attestano la volontà di mettere mano su quel tratto risalgono al 2001, 18 anni fa. Potremmo dire che il progetto di ampliamento è diventato maggiorenne.

“Sono 960 metri di tracciato – precisa l’assessore Alessio Sabatini -, quindi relativamente corto ma con un traffico intenso che conta, ogni giorno, diverse migliaia di auto e l’incidentalità di questa strada ha avuto episodi anche drammatici. Dobbiamo renderla una vera e propria strada extraurbana secondaria, con 2 corsie da 3,75 l’una, con banchina a destra e sinistra di 1,75 per un totale di 10 metri e mezzo”. Non è tutto: oltre ai lavori che interesseranno la carreggiata, è prevista la realizzazione di una pista ciclopedonale che affiancherà le corsie. “La pista sarà separata dalla carreggiata grazie a una staccionata protettiva – continua Sabatini – sarà larga 3 metri e 10 e lo scopo è quello di mettere in sicurezza i pellegrini della via Francigena che passano su quella strada e soprattutto i cittadini che vogliono andare al cimitero o alla stazione a in bicicletta”. La convenzione è stata siglata a novembre 2017, il progetto sperimentale è stato consegnato alla Regione e serviranno un paio di mesi per raccogliere tutte le osservazioni degli enti coinvolti, quindi dovrebbe essere portato in approvazione ad aprile. Il comune di Fucecchio è il capofila di una squadra che vede coinvolti anche il comune di San Miniato per la competenza territoriale, la Città Metropolitana di Firenze e, ovviamente la Regione.
“Il percorso – precisa Spinelli – fu avviato dai miei predecessori già dal 2001: lo studio di fattibilità della Regione è del 2007. Tutti gli studi servivano per realizzare l’ampliamento della strada che collega la FiPiLi con l’A11. Gli studi dimostrano l’importanza e la necessità di allargarla. La sicurezza si può tutelare con gli strumenti tipo autovelox ma la prima cosa è allargarla. Una volta terminata ci saranno attraversamenti pedonali e una rotatoria all’intersezione con viale Marconi a San Miniato che serviranno come ostacoli per rallentare il traffico. Poi sicuramente il limite di velocità sarà aumentato in conformità alle norme del codice della strada per le strade extraurbane secondarie”. Per quanto riguarda l’illuminazione della strada regionale 436, è prevista una pensilina per la fermata degli autobus con apposito attraversamento pedonale illuminato e sulla rotatoria sarà installato una torre faro. “Il progetto – spiega Spinelli – prevede la predisposizione dell’illuminazione, ma per completare i lavori sarà necessario aspettare il ribasso d’asta”.
La Lega
Anche domani 6 febbraio Marco Cordone, segretario Lega Toscana-Salvini Premier Empolese Valdelsa incontrerà i cittadini a Fucecchio dalle 8,30 alle 12,30 in un’apposita postazione in piazza XX settembre per fare il punto della situazione sull’autovelox della Sr 436 a San Pierino. Insieme ai suoi collaboratori raccoglierà le firme per rimodulare la taratura di detto autovelox a 60 chilometri orari e per esprimere solidarietà e sostegno al Ministro dell’Interno, Matteo Salvini (200 firme raccolte la scorsa domenica a Empoli).

 

Giuseppe Zagaria

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.