Lavoratori ‘a nero’ nel calzaturificio: denuncia e maximulta

Undici lavoratori al nero su 27. E’ quanto hanno scoperto in un blitz in un laboratorio di scarpe di San Miniato i carabinieri che hanno agito insieme al nucleo ispettorato del lavoro. Nel corso del controllo è stato anche accertato che due lavoratori erano anche sprovvisti di permesso di soggiorno per lavoro subordinato, motivo per cui il  legale rappresentante della società  è stato denunciato all’autorità giudiziaria per impiego di manodopera non regolare.

Nei confronti della società,  per l’impiego degli undici lavoratori in nero,  è stato invece adottato un  provvedimento immediato di sospensione dell’attività imprenditoriale ed elevate sanzioni amministrative per ventitremilaseicento euro complessivi. Si tratta di una società con sede legale a San Miniato che ha anche un laboratorio a montopoli sempre riconducibile alla stessa azienda. I carabinieri hanno fatto anche un controllo nella sede di Montopoli dove fortunatamente non sono emerse irregolarià. Il laboratorio di San Miniato per quanto hanno potuto appurare i carabinieri si occupa nel suo ciclo produttivo di perparare parti di scarpe che poi venivano assemblate altrove.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.