Ricominciare a 30 anni, 5mila euro per futuri imprenditori

Aprire un’attività a 30 anni e anche dopo a Pisa è più facile. La Camera di Commercio di Pisa infatti ha messo 30mila euro a disposizione per sostenere chi, non più giovanissimo, vuole avviare una propria attività d’impresa in provincia di Pisa. L’iniziativa, nello specifico, è rivolta ai Neet (acronimo con il quale si definiscono le persone che non sono impegnate nello studio, né in attività lavorativa o in percorsi formativi) che alla data di presentazione della domanda, che dovrà essere presentata a mezzo posta elettronica certificata entro il prossimo 15 marzo, abbiamo compiuto i trenta anni di età.

La scelta di sostenere gli over 30 non è casuale ma viene incontro alla richiesta di soddisfare le esigenze dei soggetti che, per motivi di età, non possono usufruire del supporto previsto dai programmi nazionali e regionali che sono invece concentrati sui Neet fino a 29 anni di età. Ma non basta soddisfare questi requisiti per essere ammessi automaticamente al contributo che può arrivare fino a 5mila euro. E’ infatti obbligatorio partecipare ad un percorso strutturato che in primo luogo prevede la frequenza a un corso di 40 ore finalizzato a sviluppare la cultura di impresa, acquisire strumenti per la pianificazione di una attività imprenditoriale e conoscere il contesto economico di riferimento ma anche essere aggiornati su aspetti burocratico amministrativi, sull’accesso al credito e sulle le agevolazioni e gli incentivi per l’imprenditoria. Oltre al corso, è prevista un’azione di assistenza e accompagnamento gratuito per la formulazione di progetti di fattibilità e piani di impresa, per l’accesso e l’utilizzo delle agevolazioni, nonché per la successiva fase di start up. Entro quindici giorni dalla conclusione del percorso strutturato, i candidati dovranno presentare il proprio Piano di Impresa che sarà valutato da una apposita commissione che terrà conto, tra l’altro, dell’immediata cantierabilità del progetto e dell’adeguatezza delle competenze del proponente delle esperienze pregresse con una premialità per le imprese femminili. “Spesso – spiega il presidente della Camera di Commercio di Pisa Valter Tamburini – assistiamo a situazioni nelle quali ci sono soggetti che avviano un’attività imprenditoriale senza avere un business plan o, addirittura, inconsapevoli su cosa significhi fare impresa oggi. L’opportunità che stiamo offrendo vuole non solo sostenere quei soggetti che per motivi anagrafici non riescono ad accedere a misure di sostegno per avviare un’impresa ma, soprattutto, intende rendere più consapevoli e preparati i neo imprenditori nell’affrontare le sfide e le opportunità che ogni giorno il mercato presenta”. I 5mila euro del voucher saranno utilizzabili dall’aspirante imprenditore per coprire le sole spese rendicontate indicate nel bando tra le quali, quelle notarili per la costituzione dell’impresa, quelle relative ad una prima azione di marketing, quelle per l’acquisto di hardware e software, impianti produttivi, macchinari ma anche per l’installazione di impianti elettrici, di riscaldamento, climatizzazione fino a ricomprendere l’avviamento commerciale in caso di rilevamento di azienda già esistente.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.