Cattaneo, 10 aule e un laboratorio 3D da maggio

Un laboratorio nuovo e tecnologicamente avanzato in arrivo, insieme a due piani da adibire ad aule. Queste le novità dell’Itc Cattaneo per maggio, anche se se gli studenti se li godranno solo a partire dall’anno prossimo. Sono entrati nel vivo i lavori che la Provincia sta portando avanti alla sede distaccata in via Roma, le ex Carducci (Più spazio per il Cattaneo, appaltati i lavori). 

I lavori, che in questi giorni ed anche prossimamente potranno portare al restringimento della carreggiata e all’istituzione del divieto di sosta nel tratto interessato, sono stati affidati dallo lo scorso settembre per 800mila euro e consistono nella realizzazione di una scala antincendio esterna, insieme alla sostituzione dell’impianto di riscaldamento e di tutti gli infissi. Da qui la necessità, per ragioni di sicurezza, di liberare tutto l’edificio durante i lavori, comprese le aule al piano terra. Un sacrificio temporaneo che sulle prime aveva messo in difficoltà la scuola, tanto da valutare anche l’ipotesi di trasferire alcune classi nella sede al Marconi (La Scala). Un’ipotesi alla quale Collegio dei docenti e Consiglio d’istituto si erano opposti, contando di poter riavere il piano terra della succursale con la ripresa delle lezioni a gennaio. Alla fine, invece, i lavori eseguiti fino ad ora si sono limitati alla sostituzione della caldaia.

“Le condizioni per riportare i ragazzi in via Roma ci sarebbero a maggio con la fine dei lavori, ma a quel punto converrà aspettare il nuovo anno scolastico – spiega il dirigente dell’Itc Alessandro Frosini, soddisfatto per la fine di un periodo non facile in cui la scuola ha dovuto dare fondo a tutti gli spazi disponibili –. Già stavamo stretti prima, con un solo piano del Carducci disponibile. Dover fare quest’anno senza nemmeno quelle aule è stato davvero difficile, ma dall’anno prossimo finalmente potremo respirare con le nuove aule ed un laboratorio tecnologicamente avanzato in arrivo”. Al momento, secondo una statistica effettuata qualche tempo fa dagli uffici della scuola, i 1159 studenti stanno utilizzando per il 90% dell’orario scolastico totale circa il 92% degli spazi.

La scuola, vera punta di diamante in Provincia e non solo nella sua categoria, ha infatti vinto un bando dei fondi europei da 25mila euro per la costruzione di un nuovissimo laboratorio multidisciplinare dotato di strutture capaci di sviluppare delle lezioni in ‘didattica immersiva’, in pratica simulazioni tridimensionali personalizzabili per esplorare e realizzare scenari, progettare e prendere parte ad attività di gruppo o comunicare con altri utenti. “Un laboratorio all’avanguardia che sarà diviso in due sezioni – promette il dirigente scolastico –. Una dedicata più alle materie scientifiche ed un’altra per quelle umanistiche”. Oltre al nuovo laboratorio, nella succursale saranno ricavate in tutto 10 aule.

Nilo Di Modica

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.