Dal dopoguerra ai giorni nostri, arte italiana in mostra a San Miniato

Il secondo ‘900 – Dal dopoguerra ai giorni nostri, è questa l’arte italiana raccontata in una mostra curata dal critico d’arte di Milano Ivan Quaroni. A un anno di distanza, la grande arte italiana torna a San Miniato. Dopo l’esposizione “Balla e il ‘900” che indagava sulla prima metà del secolo scorso, sempre all’interno delle prestigiose sale di Palazzo Grifoni a San Miniato, viene presentata un’altra rilevante rassegna d’arte moderna.

Concepita ancora una volta dalla collaborazione e la sinergia tra il Comune di San Miniato, Casa d’Arte San Lorenzo, Fondazione Cassa di Risparmio di San Miniato, Centro Raccolta Arte e FuoriLuogo – Servizi per l’Arte e strutturata grazie al coordinamento di Filippo Lotti, la mostra sarà inaugurata sabato 23 marzo 2019 con vernissage alle 17,30. In esposizione circa 35 capolavori dei grandi maestri che hanno reso importante e internazionale il “prodotto” arte italiano nella seconda metà del ‘900 con testimonianze che toccheranno le principali correnti artistiche dell’intero periodo: da Giorgio De Chirico a Renato Guttuso, da Emilio Scanavino a Mimmo Rotella, passando per i fratelli Bueno, Antonio e Xavier, gli “spazialisti” Enrico Castellani e Agostino Bonalumi, i protagonisti di piazza del Popolo, Mario Schifano, Franco Angeli, Tano Festa e Giosetta Fioroni fino ad arrivare ad alcuni outsider come Mario Sironi, Ottone Rosai, Michele Cascella, Aligi Sassu e Zoran Music, senza però dimenticare i protagonisti della Transavanguardia, Sandro Chia e Nicola De Maria e altri. L’esposizione, concepita come un percorso cronologico e caratterizzata da forti connotazioni antologiche, porterà nella città toscana un nutrito numero di appassionati e collezionisti di tutta Italia, vista l’importanza degli artisti presenti in mostra. Che resterà aperta al pubblico con ingresso libero dal 24 marzo al 20 aprile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.