Niente soldi in 3 anni. Coldiretti: “Il Comune intervenga”

“A distanza di tre anni, 5 aziende agricole aspettano ancora di capire chi e come li risarcirà di quanto subito”. Lo fa sapere Coldiretti che chiede: “Un intervento dell’amministrazione”. Era l’aprile del 2016 quando un’ondata di maltempo provocò un’alluvione in tutta la Toscana, colpendo in particolar modo la Val d’Egola.

A San Miniato le esondazioni dell’Egola in località La Serra e del rio San Bartolomeo a La Catena, causarono danni ingenti all’agricoltura locale (Frane e allagamenti in Valdegola, criticità nelle frazioni). Francesco Lai e Riccardo Picchi, presidente e segretario di zona San Miniato Pontedera di Coldiretti Pisa, rivolgono un appello al Comune di San Miniato: “Auspichiamo un intervento dell’amministrazione, l’unica fra gli enti coinvolti che si è detta disponibile a rivedere la questione. Cinque aziende agricole hanno riportato perdite per oltre 100mila euro. Interi campi furono completamente allagati con conseguente interruzione del lavoro, le concimazioni vennero perse e il seminato fu spazzato via dalle acque. All’indomani di quei fatti ci siamo rivolti alle istituzioni coinvolte, senza però ricevere risposte chiare. Al contrario, la confusione fra competenze ha contribuito a questo silenzio, tanto che ancora oggi le aziende non sanno se verranno risarcite e da chi”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.