Malore in casa, muore il medico di Ponte a Egola

Una morte improvvisa che ha lasciato tutti i suoi pazienti e le persone che lo conoscevano dispiaciute e addolorate. Il dottore di Ponte a Egola, Riccardo Pertici, il medico di famiglia, questa mattina (mercoledì primo maggio), dopo un improvviso malore è morto a casa sua in piazza Triste a La Scala di San Miniato.

I soccorsi e i tentativi di rianimazione sono stati inutili: quando sono arrivate automedica e ambulanza, il suo cuore non è ripartito. Probabilmente a stroncarlo è stato un infarto sul quale non c’è stato niente da fare nonostante la tempestività dei soccorso prestati in un primo momento dai familiari e poi dal personale inviato dal 118.
Rispettato e amato da tutti, stimato per le sue competenze professionali e per la sua umanità dai pazienti di Ponte a Egola, Pertici aveva 69 anni e il prossimo anno sarebbe andato in pensione. Dagli anni ’90 aveva il suo ambulatorio a Ponte a Egola. Con il tempo era diventato punto di riferimento per i suoi pazienti e per la comunità. Fin dalla tarda mattinata, quando si è diffusa la notizia della sua morte, sono stati molti i messaggi di cordoglio arrivati alla famiglia. Il funerale sarà celebrato nella giornata di domani alla Scala.
Lascia i figli Daniel e Nadine oltre alla moglie Mirella.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.