Parroco per 50 anni, don Erino è tornato alla casa del Padre

Non è stato solo parrocco a San Donato per una vita. A quella comunità, in un certo senso, nuova vita l’ha data, essendo tra gli artefici della costruzione della nuova chiesa dedicata a San Quintino. Un impegno, quello di don Erino Toni, che non è mai scemato, anche quando non è più riuscito a reggere la parrocchia e con la stessa grinta era rimasto confessore, anche dei monaci di Montenero.

Don Erino è tornato alla casa del Padre ieri 14 maggio, all’età di 95 anni, compiuti ad aprile. Don Erino era nato a San Miniato nel 1924 infatti ed era stato ordinato sacerdote a 30 anni. Per oltre 50 anni aveva prestato servizio come parroco, fino al congedo del 2009, quando si è trasferito a Santa Croce senza mai smettere di servire, esempio fulgido di come la vita da consacrato sia una missione.
Oltre alle comunità che oggi lo ricordano con affetto, lascia la sorella e i nipoti. Il funerale sarà celebrato domani 16 maggio alle 10,30 nella chiesa di San Donato, dove da oggi si trova la salma. Le spoglie mortali, invece, riposeranno nel cimitero di Santa Croce sull’Arno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.