Barrocci, i carabinieri ascoltano di nuovo Centi

È un mistero ancora tutto da chiarire quello che domenica scorsa ha impedito lo svolgimento del primo Palio dei barrocci di Capanne (Per riavere i barrocci servono i carabinieri, Centi dimesso). Un mistero che i carabinieri della compagnia di San Miniato stanno cercando di svelare, con l’obiettivo di chiarire nei prossimi giorni l’esatta dinamica degli eventi che hanno finito per sabotare la manifestazione.

In ballo c’è già una denuncia, quella presentata due giorni fa da Francesco Centi, il consigliere dell’Associazione barrocciai che aveva l’incarico di reperire i barrocci e di portarli a Capanne. Nelle ore appena trascorse i militari hanno nuovamente ascoltato Centi, con l’obiettivo di identificare il presunto “vigile” da lui descritto, anche se lo scenario rimane ancora da mettere perfettamente a fuoco. Da chiarire, del resto, c’era anche l’esatta ubicazione del capannone dove i barrocci sarebbero alloggiati. Un indagine quindi ancora aperta, sulla quale i carabinieri e sicuramente la polizia municipale di Montopoli sembrano essere intenzionati a chiudere il cerchio quanto prima.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.