Restaurato lo stemma Migliorati, copia sulla facciata

L’opera originale in pietra, di 400 chili, è stata allestita nell’atrio del palazzo ed è visitabile, mentre sulla facciata è stata collocata una copia realizzata grazie ad una stampante 3D di ultima generazione, poi rifinita a mano. E’ stato infatti restaurato l’antico stemma in pietra della famiglia Migliorati, una fra le dodici più antiche famiglie nobili di San Miniato, a cui apparteneva il palazzo in piazza XX settembre, oggi sede distaccata di alcuni uffici comunali.

L’intervento di restauro grazie al quale si è potuta recuperare l’opera in pietra è stato lungo e importante per la conservazione e preservazione delle testimonianze del passato. Lo stemma della famiglia Migliorati, originariamente collocato sopra al portone d’ingresso del Palazzo, venne tolto alcuni anni fa perché l’usura dovuta agli agenti atmosferici ne aveva compromesso in maniera significativa l’intera struttura. Si tratta di uno dei pochi stemmi ancor visibili all’esterno poiché nel 1799, con i moti giacobini, i cosiddetti “patrioti” distrussero gran parte delle armi poste sulle facciate dei palazzi nobiliari. Palazzo Migliorati in piazza XX settembre, già residenza dei Marchesi Migliorati, fu costruito nel secolo XIV e ristrutturato con l’attuale facciata all’inizio del Seicento, quando la famiglia giunse al massimo del suo potere. Nel 1944 l’edificio non fu risparmiato dal secondo conflitto mondiale e, nel corso degli anni, fu segnato da un progressivo stato di decadenza, fino a quando, alla fine degli anni ’70, venne acquisito dalla Cassa Risparmio di San Miniato che realizzò un primo importante intervento di restauro. Dal 1984 una parte dell’edificio divenne sede dell’Accademia degli Euteleti, mentre nella restante parte trovò la sua sistemazione, dal 1986 al 2000, la Pretura Circondariale. Nel 2003 l’edificio è stato poi acquistato dal Comune di San Miniato e in seguito ulteriormente restaurato. La famiglia Migliorati di San Miniato ha avuto da sempre, quale proprio emblema araldico, la figura della branca di leone di color oro posta all’interno dello scudo con il campo di colore verde. La descrizione araldica, blasonatura, dello stemma della famiglia Migliorati è la seguente: di verde, alla branca di leone d’oro posta in banda. Nell’iconografia delle raffigurazioni presenti in città, lo scudo è stato riprodotto in prevalenza accollato sulla croce della Religione Stefaniana, alla quale la famiglia apparteneva, ed è timbrato con l’elmo marchionale, affibbiato di undici pezzi e posto in maestà.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.