App per i musei, premiati i ragazzi della Carducci

Un’app per il museo Casa Carducci e per gli altri monumenti del centro storico di Santa Maria a Monte. Questo il lavoro che è valso ai ragazzi della 3A e della 3C dell’istituto comprensivo Giosuè Carducci il primo posto al concorso Museo in classe. Ieri mattina, giovedì 6 giugno, alle 10 al teatro della Compagnia di Castelfranco di Sotto, si è tenuta la premiazione del concorso, destinato a tutte le classi frequentanti le scuole primarie e secondarie di primo grado dei comuni aderenti alla rete museale del Valdarno di Sotto.

Il primo premio consiste in una somma in denaro di 500 euro, finalizzate all’acquisto di materiale didattico e di consumo destinato alla scuola ed è stato assegnato da una commissione nominata dal Sistema museale Valdarno di Sotto composta da un fotografo e 3 direttori scientifici dei musei appartenenti alla Rete. Le classi, coordinate dalle insegnanti Sonia Baccelli e Annalisa Cini, le quali hanno seguito i ragazzi in tutto lo svolgimento del lavoro, hanno dimostrato di essere meritevoli del premio con l’elaborato dal nome Museo Casa Carducci in cuffia. È un’applicazione digitale gratuita del museo e degli altri monumenti del centro storico di Santa Maria a Monte, disponibile a breve sul sito del Valdarno Musei. In un mondo in continuo cambiamento, i ragazzi sono stati bravi nel proporre un museo al passo con i tempi: un modo intuitivo e multilinguistico a portata di smartphone, per declinare la tradizione in modo innovativo e creativo. “Un sincero plauso e un in bocca al lupo per i prossimi esami va dunque ai ragazzi delle classi 3A e 3C di Santa Maria a Monte che, sostenuti e invogliati dalle loro insegnanti, hanno dimostrato nel lavoro svolto un genuino attaccamento alle proprie radici, utilizzando gli strumenti digitali a disposizione in modo sano e consapevole” conclude il sindaco Ilaria Parrella.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.