Cantieri in FiPiLi, 9 treni veloci fermano a Empoli

Più informazioni su

Domenica 9 giugno entra in vigore l’orario ferroviario estivo e anche in Toscana sono diverse le novità introdotte per favorire i viaggi dei pendolari e dei turisti su richiesta della Regione e delle comunità territoriali. Fra queste, per agevolare i pendolari della FiPiLi che si trovano in coda a causa del lavori, sulla direttrice Firenze Pisa, dalla prossima settimana, 9 treni regionali veloci fermeranno in via eccezionale anche a Empoli.

Viene offerta così un’alternativa all’uso dell’auto a chi abitualmente utilizza la FiPiLi, strada quest’ultima interessata dai cantieri per la messa in sicurezza del tratto tra Montelupo e Ginestra fiorentina, con ovvie ricadute anche per i pendolari della linea, che, grazie ad una maggiore offerta di collegamenti con Empoli potranno godere di treni meno affollati. Dal 16 giugno ci sarà l’inserimento della fermata alla stazione di Cecina del regionale 3130. Sarà, inoltre prolungata la periodicità dei treni estivi sulla Porrettana, il 6284 Pistoia-Porretta delle 9.21 e il 6249 Porretta-Pistoia delle 10.22, che resteranno in orario fino al 27 ottobre dando così un ulteriore impulso alla valorizzazione turistica del territorio.
L’assessore regionale ai trasporti e alle infrastrutture Vincenzo Ceccarelli commenta queste novità: “Questa parziale rimodulazione dell’orario a seguito di alcune nostre richieste porta però, purtroppo, anche un incremento dell’offerta dell’Alta Velocità sulla linea aretina proprio quando da tempo ne lamentiamo il sovraffollamento. Questo, insieme ai pur necessari lavori sulla tratta AV appenninica, ha ripercussioni anche sui servizi regionali che subiscono variazioni a scapito dei tanti pendolari che utilizzano questi treni”. A tal proposito Ceccarelli ricorda come “da tempo chiediamo correttivi anche a livello di revisione profonda degli orari dei treni AV. Ci erano stati garantiti interventi significativi sull’orario che non sono stati realizzati, mentre si sono inseriti ulteriori treni Av. Abbiamo scritto nuovamente alleAuto rithy, al Ministero evidenziando il peggioramento delle criticità e chiedendo quantomeno ai due gestori nazionali di prevedere fermate intermedie che permettano ai territori toscani di accedere ai servizi veloci”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.