Una mano sempre tesa, San Romano oggi piange Maffei

Lui e l’adorata moglie non avevano avuto figli. In pratica, però, avevano adottato la comunità, per la quale si sono sempre spesi molto. Per questo stamattina 1 luglio, la notizia della morte di Nilo Maffei lascia una frazione intera senza parole. E’ morto intorno alla mezzanotte nella sua casa di San Romano, ma dopo mesi difficili, trascorsi più in ospedale che a casa.

Da sempre attivissimo in parrocchia, Maffei a 75 anni era ancora al lavoro, socio della conceria Incas di Castelfranco di Sotto. Domani pomeriggio, per consentire la partecipazione al funerale, la conceria sarà chiusa. Era consigliere della Misericordia di San Romano e tra i creatori del Carnevale Sanromanese. Appassionato lavoratore, come quasi tutti quelli che si dedicano al volontariato, non c’è iniziativa a San Romano in cui, sempre insieme alla moglie, non si sia speso. Tante, dalla prima mattina, le attestazioni di stima e affetto, segno che se pur in silenzio e senza proclami, quella mano sempre tesa non è passata inosservata. Il funerale sarà celebrato martedì 2 luglio alle 16 nel santuario di San Romano. (E.ven)

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.