Caso Ragusa, la Cassazione conferma la condanna

Più informazioni su

“Ogni ricostruzione alternativa all’omicidio è inverosimile”. Per questo, nella notte di ieri 10 luglio, è arrivata la sentenza della Corte di Cassazione che ha confermato la condanna a 20 anni per Antonio Logli, ritenuto colpevole anche dal terzo grado, in via definitiva, della morte della moglie Roberta Ragusa.

E’ uscito con la testa nascosta da un cappuccio nero dal tribunale di Roma verso il carcere di Livorno, dove ha trascorso la notte. Chiusi in casa, invece, i figli di Logli e Roberta Ragusa e la nuova compagna dell’uomo ed ex baby sitter Sara. A San Giuliano terme la notizia continua a dividere il paese tra quelli che ritengono ingiusto condannare per omicidio qualcuno senza un corpo e quelli che invece, ritengono sia stata fatta giustizia per Roberta. Ora i figli di Logli e Ragusa staranno con Sara, almeno per il momento. 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.