Tartufai irregolari, elevate sanzioni per 1000 euro

Più informazioni su

Andavano in cerca del tartufo bianco prima del suo tempo e lo facevano danneggiando la tartufaia. In questo modo, alcuni tartufai prelevavano il prezioso fungo ipogeo ancora immaturo, per allenare i cuccioli di cane nella ricerca del tubero. Quest’attività dannosa per l’ecosistema, ma anche per il mercato, è stata sanzionata dai militari della stazione dei carabinieri della forestale di Tavernelle in Val di Pesa dopo accertamenti anche notturni, sottoponendo a controllo circa 15 persone ed elevando sanzioni per circa mille euro complessivamente.

I controlli sono avvenuti nella zona del tartufo bianco delle colline sanminiatesi (Certaldo, Barberino Val d’Elsa, Montespertoli) e i soggetti che sono stati sottoposti ad accertamenti erano quasi tutti cercatori di tartufo.
Questa pratica irregolare, che prevede il sequestro amministrativo del prodotto immaturo e una sanzione aggiuntiva di 100 euro per ogni tartufo prelevato, danneggia l’intero mercato del tartufo bianco perché viene messo in vendita in questa fase ancora prematura e ne determina l’abbassamento del prezzo di mercato. Il tartufo bianco immaturo, detto “marcia”, si presenta molle e per questo viene messo subito sul mercato sigillato o invasettato per evitare che marcisca.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.