Imprenditore col pallino del calcio, addio a Giorgio Rossi

Per i castelfranchesi è stato prima di tutto il presidente della squadra del paese, il vecchio Tuttocalzatura che sotto la sua gestione salì della seconda categoria fino all’interregionale. Un imprenditore con la passione per il calcio, espressione di un mondo produttivo e sportivo che sembra già storia. Giorgio Rossi se n’è andato all’età di 84 anni, spegnendosi questa notte (2 agosto) all’ospedale San Giuseppe di Empoli, dove era arrivato ieri sera dopo un malore improvviso.

Nato nel 1935 in via dei Tavi, Rossi ha vissuto e lavorato sempre a Castelfranco, ad eccezione di una breve parentesi a Santa Croce negli anni ’60. Imprenditore calzaturiero, era stato tra i fondatori dello storico suolificio Rossi e Chetoni di via Francesca Nord, prima di mettersi in proprio dal 1991 dando vita nello stesso immobile al nuovo suolificio Francesca. Un’azienda oggi portata avanti dai due figli Roberto e Stefania, insieme ai nipoti Francesca e Alessio e alla nuora Ilenia (moglie di Roberto), anche se Giorgio ha continuato fino a pochi giorni fa a frequentare la ditta, “regalando” prima di tutto ai nipoti i consigli e l’esperienza di una vita. Un percorso umano e professionale che per tanti resterà legato ai colori biancoverdi del vecchio e rimpianto Tuttocalzatura, la squadra di calcio di cui Rossi è stato presidente per circa dieci anni, dal 1977 al 1987. La notizia della sua morte, non a caso, si è diffusa in un attimo questa mattina fra i tanti castelfranchesi che lo conoscevano e che oggi lo ricordano con stima ed affetto.
Dopo il rientro della salma a Castelfranco, la camera ardente è stata allestita nell’abitazione di famiglia in via Fratelli Cervi 56. Il funerale è stato fissato per domani (sabato 3 agosto) con ritrovo alle 15,30 di fronte all’abitazione, prima del trasferimento in auto verso la chiesa Collegiata.
Il sindaco Gabriele Toti
“Sotto la sua presidenza – ricorda il sindaco – la squadra bianco verde, raggiunse i livelli più alti del calcio locale, con la partecipazione al campionato interregionale. Una squadra di calcio che è richiamo per tanti sportivi e identificazione anche del territorio, con il riferimento alla produzione tipica della calzatura. Oggi dobbiamo ricordare quel suo impegno sportivo a servizio della comunità. Le condoglianze e un abbraccio mio personale e della amministrazione comunale ai suoi familiari”. 

Giacomo Pelfer

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.