Scuola, 100mila euro in più per i lavori alle ex Carducci

Mentre gli studenti sono nel pieno delle vacanze estive, i lavori nella sede distaccata in via Roma dell’istituto Cattaneo di San Miniato proseguono e sono giunti quasi al termine. Oltre ai 700mila euro iniziali finanziati dalla Regione (Cattaneo, 700mila euro dalla Provincia per 5 nuove aule), pochi giorni fa ne sono arrivati altri 100mila per una variazione in corso d’opera che in parte servirà a completare i lavori di rivestimento della scala antincendio esterna.

Quasi sicuramente, quindi, già dall’inizio dell’anno scolastico, gli studenti torneranno fra i banchi di scuola nell’ex magistrale Carducci di San Miniato, con la possibilità di usufruire anche delle 5 aule al piano superiore. L’edificio era stato comprato dalla Provincia dal Conservatorio di Santa Chiara proprio per mettere a disposizione del Cattaneo altri spazi e cercare di alleviare le difficoltà nella gestione del problema delle scuole nella città della rocca. Se inizialmente le lezioni potevano tenersi solo al piano terra, da settembre studenti e studentesse disporranno anche del primo piano. I lavori principali riguardavano la realizzazione di una scala di emergenza esterna, la cui mancanza impediva l’utilizzo del piano superiore, una nuova caldaia per il riscaldamento dei locali e la sostituzione degli infissi.
“L’andamento dei lavori sul cantiere lo sta seguendo la Provincia – spiega Alessandro Frosini, dirigente scolastico del Cattaneo -, ma a quanto mi hanno riferito, i 100mila euro in più saranno utilizzati in buona parte per lavori all’esterno della struttura durante il mese di agosto. La sovrintendenza ha posto come condizione la rivestitura della scala esterna in cemento armato con laterizi. Si tratta di un intervento estetico e non funzionale, per per dare l’impressione di una scala in mattone, che sia anche in linea con il resto dell’edificio. Questa variazione dei costi – continua Frosini – oltre che per lavori che erano già in corso, forse è riferita anche al fatto che inizialmente il rivestimento doveva essere in legno poi, invece, si è optato per il laterizio”.
“Noi siamo piuttosto soddisfatti – aggiunge il dirigente scolastico –. Abbiamo fatto un sopralluogo una ventina di giorni fa e ne faremo uno martedì quando dovremmo constatare che i lavori interni sono terminati. Sono stati sostituiti tutti gli infissi e ritinteggiate le pareti e se tutto va bene, già da settembre i ragazzi entreranno in quelle aule”.

Giuseppe Zagaria

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.