Mondiali di basket 2019: l’Italia è da medaglia?

Dopo 13 anni di lunga attesa, la nostra Nazionale di basket è finalmente riuscita a conquistare la qualificazione ai prossimi Mondiali che dal 31 agosto al 15 settembre si giocheranno in Cina. C’è grande attesa attorno al gruppo azzurro, anche perché il nostro quintetto sembra avere tutte le carte in regola per sognare in grande. Coach Sacchetti, pertanto, dovrà essere bravo a dare fiducia ed equilibrio ad un gruppo che in passato ha spesso lasciato intendere di poter compiere l’impresa, salvo poi perdersi sul più bello.

Le ambizioni degli azzurri

L’Italia si approccia a questo mondiale dopo aver vinto a mani basse il proprio girone di qualificazione e, sebbene nel cammino che ha portato gli azzurri in Cina le polemiche siano state pressoché all’ordine del giorno, sembra che finalmente tutto sia tornato alla normalità. Danilo Gallinari, anche grazie all’intervento di Giovanni Malagò e di Gianni Petrucci, come raccontato anche da Sky Sport, ha messo finalmente da parte gli antichi dissapori con coach Sacchetti e pare intenzionato a recitare il ruolo di leader tecnico ed emotivo di tutto il gruppo azzurro. Assieme a Danilo, in Cina saranno presenti anche Marco Belinelli e Gigi Datome che, a causa della folle calendarizzazione dei tornei di avvicinamento alla competizione iridata, non avevano potuto prendere parte alle qualificazioni mondiali. Resta da vedere, invece, se Nicolò Melli, fresco di ingaggio in NBA con i New Orleans Pelicans, potrà seguire o meno i propri compagni in terra cinese. Se è vero che generalmente le franchigie NBA tendono ad ostacolare la presenza dei nuovi acquisti con le rispettive nazionali, è altrettanto vero che Nicolò ha manifestato in più di un’occasione la sua volontà di far parte della spedizione azzurra. Staremo a vedere come evolverà la situazione nelle prossime settimane, anche se di certo c’è che secondo Unibet, ad oggi, l’Italia è insieme alla Serbia la favorita assoluta per la vittoria del proprio girone, nonché una delle possibile outsider anche in ottica medaglia.

Il sogno medaglia

Nei giorni scorsi, molti degli azzurri, tra cui anche Marco Belinelli e Danilo Gallinari, come raccontato anche da Il Corriere dello Sport, hanno apertamente dichiarato che il loro principale obiettivo è rappresentato dalla conquista del pass per le Olimpiadi di Tokyo 2020, magari puntando ad una medaglia iridata. Ma l’Italia ha realmente possibilità in ottica medaglia? Se si, quali sono le altre favorite della vigilia per un posto sul podio? Escludendo il team USA, che nonostante sia privo della quasi totalità dei propri uomini migliori, resta senza ombra di dubbio la squadra da battere, sono diverse le nazionali che potrebbero ambire ad una medaglia. Se è vero che alle solite europee Spagna, Francia, Russia, Serbia e Croazia, come raccontato anche da Basket Inside, andrà ad aggiungersi anche la Grecia di Giannīs Antetokounmpo, è altrettanto vero che c’è grande attenzione nello scoprire cosa saranno in grado di fare Canada ed Australia, con entrambe le nazionali che vantano all’interno del proprio roster numerosi giocatori che militano nella NBA e che potrebbero rappresentare le possibili outsider dell’intera competizione.

Il prossimo Mondiale di basket sarà quindi estremamente equilibrato e c’è la forte sensazione che l’Italia, eccezion fatta, forse, solo per gli Stati Uniti, abbia a propria disposizione tutti i mezzi per giocarsela alla pari con tutte le favorite della vigilia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.