Bancarotta fraudolenta per 8 milioni in una azienda della Valdelsa

La società della Valdelsa fiorentina operava nel settore edile e aveva accumulato debiti per circa 20 milioni di euro. Nelle scorse settimane, i militari del comando provinciale della Guardia di Finanza di Firenze hanno concluso, sotto la direzione del sostituto procuratore Concetta Gintoli, una complessa indagine che ha consentito di cautelare tempestivamente denaro e beni.

L’attività investigativa, condotta dalle Fiamme Gialle della Tenenza di Castelfiorentino, ha consentito di rilevare gli elementi di una bancarotta fraudolenta per oltre 8 milioni di euro nell’ambito del fallimento della società. Attraverso l’esame della documentazione acquisita, i racconti di numerose persone informate sui fatti e la ricostruzione integrale degli accadimenti aziendali, è stato acclarato un dissesto finanziario che, secondo gli investigatori, si è determinato con il concorso di diverse società riconducibili ai due imprenditori indagati. In un contesto di forte difficoltà economica, il dissesto è stato comunque accentuato da alcune manovre considerate distrattive del patrimonio, tra cui, in particolare, il finanziamento infruttifero degli altri complessi aziendali, che già affrontavano una crisi di liquidità e alcune fidejussioni per diversi milioni di euro.
Per preservare la posizione di tutti i creditori della società, il magistrato ha disposto accertamenti congiunti ad opera della Guardia di Finanza e della curatela e, mano a mano che i fatti di bancarotta emergevano, quest’ultima adottava gli atti di competenza volti a cautelare i beni, consentendo altresì all’Agenzia delle Entrate di insinuarsi nel fallimento. Tale tempestiva linea d’azione ha consentito di garantire le pretese erariali e porre le basi per il ristoro dei creditori, tanto che sono già iniziate le attività di liquidazione dell’attivo patrimoniale attraverso anche vendite all’asta. L’operazione di servizio svolta dalla Fiamme Gialle fiorentine rientra nel più ampio ambito delle attività di polizia economico-finanziaria che il Corpo della Guardia di Finanza svolge a tutela del mercato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.