Multicons sul tavolo dell’unità di crisi della Regione

Più informazioni su

“Verificare le prospettive di ripresa dell’azienda e tutelare il reddito dei lavoratori che da due mesi non ricevono lo stipendio”. Con questo obiettivo, la situazione del Consorzio Multicons di Montelupo Fiorentino è arrivata sul tavolo dell’Unità di crisi della Regione Toscana. Il consigliere del presidente per il lavoro della Regione Gianfranco Simoncini ha anche annunciato che nei prossimi giorni sarà convocato un incontro con il presidente del Collegio dei sindaci revisori, al momento l’unico organo in carica dell’azienda.

La riunione di oggi 26 agosto era stata sollecitata dal sindaco di Montelupo Paolo Masetti anche a seguito dell’inchiesta della magistratura sull’azienda, che ha portato alle dimissioni dei dirigenti del Consorzio e al sequestro cautelativo del patrimonio aziendale (Fatture false per 17 milioni, nei guai imprenditore dell’accoglienza). All’incontro di oggi erano presenti anche i rappresentanti delle organizzazioni sindacali. I sindacati hanno detto che agiranno nei confronti dei committenti del Consorzio per favorire la liquidazione delle competenze direttamente ai lavoratori che, responsabilmente, hanno continuato, anche in questa situazione di crisi e incertezza, a lavorare. Il Consorzio Multicons, attraverso la cooperativa Servizi Toscani, opera prevalentemente nei settori logistica, facchinaggio, pulizie. L’azienda, che impega circa 150 lavoratori, è attiva soprattutto nell’Empolese e nel Pisano.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.