“Prete, fratello e figlio”: don Fabrizio a San Miniato Basso

E’ stato un bell’inizio. Con gli amici di sempre – arrivati da Marti e Capanne per accompagnarlo – e con i nuovi amici ad accoglierlo. Un po’ come successe all’arrivo con il nuovo vescovo, accompagnato alla nuova diocesi dagli amici che stava lasciando.

E’ una comunità parrocchiale pronta a cambiare quella di San Miniato Basso. Che con amore, rispetto e serenità ha accolto la decisione di don Andrea Migliavacca di regalargli una guida più giovane ed energica. Don Fabrizio Orsini è il nuovo parroco di San Miniato Basso. Nella chiesa della Trasfigurazione, domenica ha fatto il suo ingresso ufficiale nella parrocchia dei Santi Martino e Stefano insieme al vescovo. Ad attenderlo c’era anche il sindaco di San Miniato Simone Giglioli. La santa messa è stata concelebrata: con il vescovo e don Fabrizio c’erano anche tanti altri sacerdoti della Diocesi. Compreso don Luciano Niccolai, che nel giorno precedente aveva terminato il proprio mandato a San Miniato Basso (L’ultima messa di don Niccolai a San Miniato Basso). “Dovrai essere prete, fratello e figlio” ha detto il vescovo a don Orsini, che ha ricevuto una stola e un diario dai suoi nuovi parrocchiani. La cerimonia si è poi conclusa con il caloroso applauso dei presenti: don Fabrizio, commosso, ha ringraziato tutti. Per lui, adesso, si apre un nuovo capitolo, da vivere intensamente in una delle parrocchie più grandi della Diocesi. Che lo ha già accolto come uno di loro. 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.