Addio al filosofo Bodei, tanti i messaggi di cordoglio

Il filosofo Remo Bodei è morto a Pisa nella serata di ieri giovedì 7 novembre a 81 anni. Era nato a Cagliari il 3 agosto 1938 e ha contribuito in maniera sostanziale al panorama culturale e di ricerca italiano e internazionale. In particolare, è stato l’artefice di una personale ricostruzione storica del contrasto ragione passioni, analizzandone le implicazioni anche sul piano etico politico.

 

Accademico dei Lincei, Bodei era professore emerito di storia della filosofia all’Università di Pisa e ha insegnato storia della filosofia ed estetica alla Scuola Normale Superiore di Pisa. E’ stato docente in diversi atenei europei e americani, come Cambridge, Ottawa, New York, Città del Messico e infine all’Università della California di Los Angeles. Era uno dei massimi esperti della filosofie dell’idealismo classico tedesco e dell’età romantica. Mente brillante, le sue indagini filosofiche hanno riguardato anche la ricerca della felicità da parte del singolo, le indeterminate attese collettive di una vita, i limiti che imprigionano l’esistenza e il sapere entro vincoli politici, domestici e ideali. Sotto questo profilo resta magistrale il saggio “Geometria delle passioni. Paura, speranza e felicità: filosofia e uso politico” (Feltrinelli, 1991, arrivato alla settima edizione ampliata, 2003). Negli ultimi 20 anni era nella giuria del premio letteraio ‘Pozzale – Luigi Russo’ di Empoli.
“Ha saputo – per la sindaco Brenda Barnini – accompagnare alla filosofia migliaia di ragazzi e ragazze, affascinando con il pensiero e la riflessione. Considero uno dei più grandi privilegi da sindaco di Empoli averlo potuto conoscere personalmente perché membro della Giuria del Premio Pozzale – Luigi Russo. La cosa che più mi colpiva di lui era l’assoluta semplicità con cui riusciva a relazionarsi con le persone. Un concentrato unico di Cultura e sapienza associato all’umilta’ del comportamento e ad una sottile e sarda ironia che rendeva indimenticabile ogni fortunato incontro con il Professore. Grazie per tutto l’impegno che ha messo nel far crescere le coscienze e le conoscenze. Mancherà tanto al nostro Premio e alla nostra città”. Sarà ricordato sabato prossimo, 16 novembre, alle 17 al cinema ‘La Perla’, in occasione della cerimonia di consegna del premio letterario a cui avrebbe partecipato sicuramente se non fosse sopraggiunto il malore che lo ha colpito a settembre. Intanto l’amministrazione comunale e la giunta tutta esprimono alla famiglia e ai suoi cari il cordoglio della città di Empoli.
“La scomparsa di Remo Bodei – fa sapere Paolo Fontanelli – mi addolora profondamente. E’ una perdita enorme per la cultura italiana e non solo. Ma al di là della valutazione, che non spetta a me, sulla sua forte influenza innovativa nella filosofia contemporanea, sento la perdita sul piano dei rapporti umani e su quello del rapporto con la nostra città. Nei miei anni da sindaco di Pisa Remo Bodei è stato un suggeritore prezioso di idee e problemi da affrontare. Il suo contributo di visione per far crescere culturalmente la nostra città non è mai venuto meno. Remo ci mancherà molto, con i suoi interventi, i suoi scritti, i suoi consigli. E soprattutto con una visione globale del mondo e dei suoi cambiamenti sempre capace di farci pensare a guardare più in là delle nostre beghe quotidiane”.
“Esprimo – aggiunge Irene Galletti, consigliere regionale MoVimento 5 Stelle – il mio cordoglio e quello del Gruppo consiliare del MoVimento 5 Stelle per la scomparsa del filosofo ed accademico Remo Bodei, professore di Filosofia all’Università della California, per molti anni docente alla Scuola Normale Superiore e all’Università di Pisa. Era uno dei massimi esperti delle filosofie dell’idealismo classico tedesco e dell’età romantica, maestro non solo per i suoi allievi ma per il mondo politico, a cui non ha mai mancato di dare spunti per mezzo dei suoi scritti e interviste illuminanti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.