Eccellenza, sorride solo il Fucecchio

Eccellenza, una domenica che sorride al Fucecchio. I bianconeri di Collacchioni vanno ad espugnare il campo della sorpresa Castelfiorentino e continuano a cercare di mantenersi a ridosso delle prime. Ko interni pesanti per la Cuoiopelli, che cede con due gol nei minuti finali dei temi al Montecatini e per il San Miniato, sconfitto nel match di cartello con la Pro Livorno. 

 

 

Castelfiorentino-Fucecchio 0-2
CASTELFIORENTINO: Chiarugi, Nidiaci (16′ st Salucci), Vecchiarelli, Olivieri, Campatelli (16′ st Pellegri), Bagnoli (1′ st Zanaj), Montecalvo, Anichini (33′ st N. Sarti), Pecchioli, Fossati, Zizzari. A disp. Orsini, Sarti M., Bindocci, Perna, Pellegri, Moscardi. All. Marrucci.
FUCECCHIO: Del Bino, Gremigni, Menichetti (44′ st Meacci), Malanchi, Lecceti, Vallesi, Cenci, Mazzanti (43′ pt Borgioli), Di Biase (24′ st Tiboni), Ghelardoni, Rigirozzo (28′ st Rigirozzo). A disp. Raco, Papa, Lelli, Nardi, Meacci, Fedeli, Tiboni, Borgioli, Tersigni. All. Collacchioni.
ARBITRO: Zadrima di Pistoia (Salvadori e Fortini di Arezzo)
RETI: 23′ pt Rigirozzo, 12′ st Cenci
NOTE: Angoli: 3 – 5. Ammoniti: 22′ pt Rigirozzo, 36′ pt Pecchioli, 3′ st Malanchi, 21′ st Vallesi, 45′ st Pellegri. Espulsi: 26′ st Vallesi (F doppia ammonizione), 38′ st Pecchioli (C doppia ammonizione). Recupero 1° tempo 2′, 2° tempo 5′.
Per la seconda domenica consecutiva la prima della classe affronta il Fucecchio ed esce sconfitta. Menichetti e soci riservano lo stesso trattamento ai valdelsani La solita gara accorta tutta sostanza, il duo Zizzari-Pecchioli reso innocuo, non tanto dalla retroguardia bianconera tanto dall’atteggiamento tattico. Il palleggio dei ragazzi di Collacchioni ha finito per inaridire i locali. Sfida dal morale alto per i locali freschi di primato e per gli ospiti che dopo aver battuto la Pro Livorno al “Corsini” hanno superato l’ostacolo Fratres Perignano in Coppa. Collacchioni si affida all’usato sicuro ovvero lo stesso schieramento che ha vinto in casa l’ultima sfida. Tiene bene il campo la squadra bianconera e a metà tempo sblocca il risultato. Rigirozzo approfitta della leggerezza sulla propria tre-quarti di Zizzari e lascia partire un diagonale che supera Chiarugi per l’entusiasmo dei molti fucecchiesi presenti. E’ il terzo centro stagionale per l’attaccante bianconero, tutti segnati fuori casa. Non ha problemi nella gestione delle operazioni di gioco la squadra di Collacchioni visto che i padroni di casa non sono mai capaci di alzare i ritmi. L’unica insidia arriva da una punizione beffarda di Fossati disinnescata da Del Bino. Il tecnico bianconero è costretto a rivedere i piano in prossimità della chiusura di tempo per l’infortunio di Mazzanti, Borgioli viene schierato nel ruolo di regista con Ghelardoni che scala nel reparto di centrocampo. Ripresa più vivace, Rigirozzo arriva con un attimo di ritardo su assist di Malanchi e Pecchioli vede sfilare di poco fuori una soluzione a rientrare. Dopo aver fallito con lo stesso Rigirozzo in diagonale il raddoppio, il Fucecchio di fatto chiude il match poco prima dell’ora di gioco. L’azione si sviluppa a sinistra Borgioli vede l’inserimento di Cenci il cui tiro incrociato vale il bis. Per il centrocampista è la seconda rete stagionale anche lui in gol fino ad ora fuori casa. In due circostanze Borgioli fallisce il definitivo colpo del Ko. L’espulsione di Vallesi, la prima stagionale in casa bianconera, costringe il tecnico ospiti a togliere Rigirozzo e inserire nel cuore della difesa Papa. Il palo nega a Borgioli la soddisfazione personale ad un quarto d’ora dalla chiusura delle ostilità. Pecchioli rimedia il secondo giallo che di fatto anticipa il segnale di chiusura. L’operazione aggancio in classifica è completata chudendo la gara con sei quote in campo. Crescono in fretta i giovani bianconeri.

Cuoiopelli-Valdinievole Montecatini 0-2
CUOIOPELLI: Sollazzi, Rossi, Pinucci (25′ st Gargini), l. Mancini, Leshi, L. Morelli (20′ st Nardi), Magnani, Caciagli (36′ st Garunja), M. Pellegrini, Niccolai, Bianchi. A disp. Puccini, Anichini, E. Nieri., Mallardo, Nidiaci, Casalini. All.: Giglioli
VALDINIEVOLE MONTECATINI: Tonarelli, Martinelli, Falivena, Ghimenti, Di Nardo, Agostini, Cardarelli (36′ st Chiscitta), Francesconi, Tempesti (47′ st Niccolai), Benvenuti (16′ st Isola), Chiaramonti (29′ st Malih). A disp.: Bellini, Abruzzese, Abdoune, Castagna, Coulibaly. All. Marselli.
ARBITRO: Mariani di Livorno (Cucciniello e Vanni di Arezzo)
RETI: 33′ pt rig. Tempesti, 44′ st Malih
NOTE: Ammoniti 1′ pt Ghimenti, 21′ pt Cardarelli, 36′ pt Francesconi, 40′ pt Niccolai, 6′ st Di Nardo, 12′ st Martinelli
Basta un colpo di tosse alla Cuoio per fargli venire la febbre. Fanno tutto i locali, Cuoio, la gara, gli errori sottoporta e le distrazioni che gli costano una gara in salita tramutata alla fine nella terza sconfitta stagionale al Masini. La gara ha avuto sempre il solito comun denominatore Cuoio avanti e termali costretti sulla difensiva. Impegno, abnegazione, non hanno fatto difetto ai ragazzi di Giglioli su un campo in cui era difficile far scorrere il gioco. Ingenuo il fallo da rigore causato da Rossi che in scivolata su una palla che stava uscendo dall’area va a commettere su Tempesti. Un ingenuità che due settimane fa su questo campo aveva commesso il compagno di reparto Leshi. L’ex di giornata porta in vantaggio i suoi. Pellegrini e Bianchi quest’ultimo per due volte nella ripresa arrivano davanti a Tonarelli falliscono le opportunità del pari. La gara nella ripresa ha assunto i connotati di un assedio e con la squadra protesa generosamente in avanti è arrivato il raddoppio dei valdinevoli che lascia nello sconforto una Cuoio che avrebbe bisgno anche di un pizzico di buona sorte per uscire da questo tunnel.

San Miniato Basso-Prolivorno Sorgenti 1-3
SAN MINIATO BASSO
: Cappellini, Onnis, Fatticcioni, Meucci, Bozzi (25′ st Mancini), Tafi, Borselli, Marinari, Pirone, Remedi, Pellegrini (33′ st Bicchieri). A disp. Battini, Accardo, Faraoni, Marianelli, Freschi, Riccobono. All. Venturini. 

PROLIVORNO SORGENTI: Frongillo (18′ st Blundo), Solimano, Petri, Del Corona (25′ st Bartorelli), Salemmo, Bulli (1′ st Grossi), M. Filippi, Costanzo (15′ st Brizzi), Granito, Matteoli (20′ st Angiolini), Rossi. A disp.: Blundo, Santagata, Mecacci, Casalini, Milano. All. Niccolai. 

ARBITRO: Mbei di Cuneo (Jordan di Firenze e Iuliano di Siena)
RETI: 18′ pt Costanzo, 26′ pt Matteoli, 8′ st Pellegrini, 35′ st Brizzi
NOTE: Espulsio 33′ pt Onnis (S, fallo da ultimo uomo), 45′ pt Petri (P, doppia ammonizione)
Si conferma la bestia nera del San Miniato la Pro Livorno. Dopo averlo estromesso dalla Coppa si impone anche al Pagni infliggendo all’undici di casa la prima sconfitta stagionale. Recrimina molto la squadra di casa punita oltre misura da un avversario spietato in fase di finalizzazione. Come mercoledì a Livorno, anche stavolta il dischetto per i locali si è rivelato indigesto. Se a Livorno a mancare la trasformazione era stato Remedi, oggi sono stati decisivi gli errori di Pellegrini e Pirone. I labronici passano con Costanzo al termine di un contropiede. Pochi minuti dopo arriva il raddoppio di Onnis il quale schiaccia a terra la conclusione che colpisce Onnis prima di insaccarsi alle spalle di Cappellini. Esce di un niente un tentativo di Remedi in un azione analoga al raddoppio livornese. Produce solo l’illusione del gol su un colpo di testa di Tafi a botta sicura. Pur essendo costretta a rincorrere il risultato in inferiorità numerica per il rosso a Onnis, a 9 minuti dalla pausa, Frongillo commette fallo da rigore su Pellegrini. Il quale si fa ribattere il tiro dall’estremo labronico. Sembra una maledizione quando Meucci da un passo sbaglia l’indirizzo della palla che avrebbe riportato in corsa i suoi. Prima dell’intervallo altro rigore causato da un fallo di mano di Petri che riporta le due squadre in parità numerica. Pirone dal dischetto scheggia il palo. Finalmente in avvio di ripresa Pellegrini in spaccata di destro riapre i giochi. Le mischie nell’area ospite presieduta da Blundo subentrato a Frongillo si susseguono ma non sortiscono l’effetto voluto. Il gol che mette in cassaforte la gara lo segna. Brizzi riceve da fallo laterale va via a Fatticcioni e riporta i suoi al vertice del campionato.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.