Sottopasso San Romano, “Due linee di intervento”

“L’acqua alta non deriva da un cattivo funzionamento delle pompe. Il sottopasso è l’incrocio di un sistema fognario che proviene da via Gramsci e da lungarno Guicciardini (la fognatura nera del comune di Montopoli) ed è quindi un punto critico del sistema di smaltimento delle acque che confluiscono all’impianto di depurazione”. Lo chiarisce l’assessore ai lavori pubblici di San Miniato Marzia Fattori, che oggi 12 novembre in comune ha incontrato i vertici di Acque e i tecnici dopo gli allagamenti che, nel corso delle ultime piogge, hanno interessato il sottopasso di San Romano.

“Per motivi che ancora stiamo verificando – continua l’assessore -, la fognatura nera negli ultimi mesi, in occasione di piogge intense, confluisce con troppa pressione e i pozzetti presenti lungo il tratto sversano proprio all’interno del sottopasso”. Nella scorsa primavera, Acque tentò un primo intervento risolutivo attraverso l’installazione di un chiusino stagno ma, durante le ultime intense precipitazioni, lo sversamento è avvenuto da un altro pozzetto.
“Nell’incontro odierno abbiamo stabilito due linee di intervento: la prima prevede un intervento a lungo raggio finalizzato alla scoperta delle cause che provocano questo fenomeno. Mentre l’altra, da attuare in tempi brevi, mirata ad eliminare la pericolosità di questa situazione con lavori che azzerino il rischio di allagamenti”. Acque spa ha inviato sul posto i propri tecnici per verificare le quote di pozzetti e condotti fognari, in modo da realizzare in tempi brevi sfioratori e deviazioni che alleggeriscano la quantità di acqua che attraversa il sottopasso. Intanto domani (13 novembre) il sottopasso verrà ripulito e aperto al transito. “Sgombrare il sottopasso – spiega il sindaco Simone Giglioli – e renderlo fruibile è prioritario. Oltre a questo è fondamentale portare avanti un’indagine che riveli le cause di questi allagamenti. Garantire la sicurezza dei cittadini è la cosa più importante e vogliamo farlo alla svelta. Questa infrastruttura è un collegamento necessario per il nostro territorio e non possiamo permetterci di interrompere il transito ogni volta che le piogge sono abbandondanti”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.