Fucecchio chiude scuole. Empoli sott’acqua foto

Empolese e Valdelsa, la situazione è critica per il maltempo. A Fucecchio l’allerta è rosso per il possibile innalzamento del livello dell’Arno a partire dal pomeriggio di oggi (17 novembre) e per tutta la giornata di domani. Nello stesso periodo allerta giallo anche per il rischio idrogeologico e idraulico. Domani (18 novembre) le scuole del territorio rimarranno chiuse. 

A Fucecchio, vista la situazione critica è stato chiuso il ponte vecchio di San Pierino tra viale Gramsci e via Sanminiatese e queste strade sul territorio comunale: via Saettino, via Ponzano, via del Giardino, via delle Viole e via Vecchia Empolese. Se la situazione dovesse peggiorare sarà chiusa anche via Battisti. 
Per informazioni è possibile contattare il Coc al numero 0571.268701 e 0571.268702 oppure la polizia municipale allo 0571.268600.

Elsa a livelli di guardia a Empoli, con il centro cittadino che è finito sott’acqua probabilmente perché acquedotto e fognature non riescono a scaricare. Situazione difficile anche a Montelupo per il livello della Pesa. Criticità notevole anche per gli abitati di Certaldo e di Cerreto Guidi, dove è scattato l’avviso di spostarsi ai piani alti delle abitazioni.

In serata arriva da una nota ufficiale la spiegazione degli allagamenti in città a Empoli dove si è lavorato ininterrottamente da questa mattina per gestire l’emergenza maltempo e le conseguenti criticità che si sono verificate in città, in centro storico, ma anche ad Avane, Santa Maria-Case Fanfani e in Via Torricelli. Il bacino del reticolo minore di Empoli, caricato da 65 millimetri di pioggia caduta nella notte, ha faticato fin dalla prima mattina a scaricare nel fiume.
Dopo di che, con la doverosa e obbligatoria, per non consentire alle acque dell’Arno di entrare in città attraverso i rii sotterranei, chiusura delle cateratte le acque piovane proveniente dal territorio collinare a sud di Empoli, il ‘bacino’ cittadino si è riempito fino a essere colmo.
Ecco perché in alcune zone si sono verificate degli allagamenti: verso l’ora di pranzo in piazza Marchetti, poi via del Giglio, via Spartaco Lavagnini, quindi piazza Farinata degli Uberti. Poi a seguire Avane con Via Lari e Via della Motta e Via del Pozzo, dov’è presente la cateratta.
A partire dal sindaco Brenda Barnini e a tutta la giunta comunale, con funzionari e tecnici comunali, polizia municipale, protezione civile, subito sono entrati tutti in azione per coordinare e agire.
Due le ordinenze emesse: chiusura delle scuole di ogni ordine e grado per domani, in conseguenza dell’allerta codice rosso per il possibile innalzamento del fiume Arno, e poi chiusi anche gli impianti sportivi comunali e la biblioteca Renato Fucini.
Vari i sopralluoghi effettuati.
Sono state attivate 4 auto spurghi per ‘succhiare’ l’acqua presenti in piazza dei Leoni, facendo la spola con l’Arno per scaricare ciò che era stato raccolto. Sette le idrovore mobili in azione tra Avane, via Lavagnini e piazza Matteotti, qui per bypassare la cateratta saltandola: acqua ‘succhiata’ dal lato Empoli e buttata direttamente nel fiume.
In azione anche le idrovore fisse: sull’Elsa a Brusciana, a Ponte a Elsa e sul Rio Volpi, al Terrafino; in azione anche quella a Case Fanfani e sul Rio Mosca.
Nelle ultime  ore i livelli del reticolo idraulico secondario sono in calo rispetto ai valori raggiunti nelle prime ore della giornata di oggi. Resta stabile il livello dell’Arno almeno per le prossime ore. Nuove piogge sono attese per la seconda parte della giornata di domani con intensità inferiore a quelle registrate nella giornata odierna.
“Ci aspettano ancora altre ore di passione – ha detto il sindaco di Empoli Brenda Barnini – perché l’Arno scende molto lentamente e noi abbiamo tanta acqua in tutto il reticolo. Abbiamo idrovore attive ad Avane e in centro. Intanto superiamo l’emergenza poi ovviamente ci occuperemo di trovare soluzioni e ristorare i danni chiedendo aiuto anche alla Regione Toscana”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.