Droga, da San Miniato e Castelfranco rifornivano Marina

Hanno raggiunto due 35enni muratori da anni residenti nei comuni di San Miniato e Castelfranco di Sotto, due delle 5 ordinanze che la polizia di Pisa ha eseguito oggi 21 novembre. Agli arresti domiciliari sono finiti tre italiani e due cittadini albanesi per il reato di detenzione e cessione di sostanze stupefacenti aggravata e continuata in concorso tra loro.

I tre italiani sono i componenti di un nucleo famigliare composto da una donna di 45 anni, il figlio appena maggiorenne e il convivente di 47 anni, residenti a Marina di Pisa.
L’indagine nasce da una “costola” dell’omicidio dello spacciatore marocchino freddato a colpi di pistola nella pineta di Marina di Pisa l’8 dicembre 2017. Dall’ascolto delle intercettazioni telefoniche eseguite dalla Squadra Mobile e attivate a seguito dell’omicidio e per l’accertamento di quei fatti sono emersi degli importanti indizi di reato in merito ad una fiorente attività di spaccio, che riguardava tutto il territorio del litorale, per poi risalire all’entroterra pisano. Proprio per questo motivo, la Procura della Repubblica di Pisa, ha proceduto a stralciare il procedimento, che è diventata poi un’indagine autonoma che ha ricostruito oltre 150 vicende di spaccio tra il 2018 e il 2019. I cinque infatti, secondo quanto emerso dalle attività investigative svolte, vanno a comporre gli ultimi anelli di una importante filiera distributiva di cocaina e marijuana che, dai comuni di San Miniato e Castelfranco di Sotto andava a rifornire le zone del litorale pisano, con decine di clienti e centinaia di cessioni documentate. Anello intermedio di questo traffico era costituito dai due albanesi che si rifornivano di sostanze stupefacenti all’ingrosso, che poi veniva ceduta dietro compenso al dettaglio, nei confronti della famiglia “allargata” che, sul litorale, si occupava di rifornire i consumatori, prevalentemente soggetti frequentatori delle aree della movida estiva, tra cui diversi minorenni, assidui acquirenti di marijuana e di cocaina. L’attività investigativa, che è stata svolta abbinando le intercettazioni telefoniche ai metodi di indagine tradizionale, ha consentito di appurare le metodologie del gruppo nell’attività di spaccio. Il più giovane del gruppo, appena maggiorenne, rivolgeva la propria attività di pusher prevalentemente nei confronti dei coetanei e minorenni, che riceveva a casa per perfezionare le cessioni. I due adulti della famiglia, oltre a curarsi del commercio al dettaglio, erano quelli che intrattenevano i rapporti con i fornitori. Il gruppo riceveva gli acquirenti a casa, ma non si limitava a tanto, spesso azzardando consegne in zone pubbliche, quali il lungomare. Le tecniche utilizzate, vanamente, per eludere possibili intercettazioni erano frasi in linguaggio criptico quali: “Andiamoci a prendere un caffè”, per organizzare l’incontro, mentre la parola in codice utilizzata per vendere la droga erano “le piastrelle” o “le reti da pesca”. Dalle cuffie, gli investigatori, capivano che quello era il segnale per una cessione importante, circostanza che portava successivamente a riscontrare quanto ipotizzato, fermando dopo il perfezionamento dello scambio l’acquirente con la sostanza stupefacente. Importanti sono state anche le dichiarazioni rese dagli acquirenti, consumatori, dopo essere stati fermati dalla Polizia. Un ragazzo, appena sedicenne, cliente abituale, ha affermato di aver acquistato anche per 40 volte dal gruppo di Marina di Pisa. Così come molti altri clienti abituali. Le indagini infatti, hanno consentito di dimostrare oltre 150 cessioni, con un campione di clienti trasversale, da soggetti minorenni a persone di età matura. I rapporti era intrattenuto prevalentemente dal capofamiglia.
Intorno a marzo del 2019, gli albanesi avevano intessuto nuove relazioni per la distribuzione dello spaccio, rivolgendosi ad altri interlocutori. In quella circostanza, la Squadra Mobile è riuscita ad intercettare, a marzo del 2019, una cessione importante di cocaina, di circa mezzo etto, avvenuta a San Miniato ad opera dei due nei confronti di terzo altro albanese, successivamente fermato ed arrestato a Volterra. L’indagine ha consentito di accertare anche l’ingente quantitativo di sostanza stupefacente di cui i due stranieri disponevano. Infatti, un altro testimone chiave nella vicenda, un consumatore e cliente diretto dei due, ha dichiarato alla Polizia, sentito come testimone, di aver ricevuto dagli albanesi l’offerta di spacciare per conto loro durante un incontro finalizzato all’acquisto di droga per uso personale, avvenuto a Castelfranco di Sotto e, in quella circostanza, uno dei due gli avrebbe mostrato la disponibilità di oltre 600 grammi di cocaina. Alla luce del compendio indiziario raccolto, il pubblico ministero titolare dell’indagine ha chiesto e ottenuto dal giudice per le indagini preliminari la misura degli arresti domiciliari per i cinque. Questa mattina all’alba è scattata l’esecuzione delle misure. Gli uomini della Squadra Mobile si sono diretti nei luoghi di residenza dei soggetti a Marina di Pisa, Castelfranco di Sotto e San Miniato. Quattro dei cinque sono stati rintracciati nella nostra provincia, mentre il quinto, il 47enne, è stato rintracciato dalla Squadra Mobile di Napoli all’interno dell’appartamento del fratello. Nell’ambito delle perquisizioni svolte in occasione dell’esecuzione della misura svolta, sono stati rinvenuti i telefoni cellulari utilizzati dagli spacciatori per le negoziazioni. 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Cuoio in diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.